Lapsus diVino, un progetto di inclusione alla cantina Tenuta dell'Ugolino | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Lapsus diVino, un progetto di inclusione alla cantina Tenuta dell’Ugolino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO – Il progetto Lapsus diVino nasce dall’incontro tra la cantina Tenuta dell’Ugolino di Castelplanio e l’associazione senigalliese Lapsus diversa creatività che pratica l’arteterapia con ragazzi e ragazze affetti da disabilità.

Questo progetto diffonde un messaggio di appartenenza e coesione sociale proprio perché l’arteterapia è un percorso di ricerca del benessere personale che passa dalla conoscenza di se stessi, alla scoperta delle proprie potenzialità. Nelle persone affette da disabilità questo aspetto viene amplificato andando a ridurre la distanza con il mondo che le circonda, rivelando la possibilità di un nuovo modo di comunicare.

Visitando l’eclettico laboratorio di Senigallia, ci si rende conto che non si parla soltanto di inclusione con il mondo esterno. Il laboratorio stesso si trasforma in un luogo di incontro dove si respira un’aria di comunità, di famiglia allargata.

I ragazzi si divertono interagendo tra loro e con i volontari, si sostengono, ma soprattutto vivono momenti di condivisione con persone al di fuori del proprio contesto familiare. È grazie al lavoro svolto in gruppo che l’arteterapia risulta efficace anche a migliorare le abilità relazionali.

In tale contesto l’arte viene vissuta in maniera viscerale, non lasciando spazio a giudizi di tipo estetico o a canoni stilistici. Attraverso un linguaggio che rende questi ragazzi liberi di esprimere ciò che provano e vedono con i loro occhi, ognuno interpreta il proprio stile, quello che più sente come forma espressiva, proprio perché ogni segno o linea colorata rappresenta una manifestazione che racchiude il valore di un sentire profondo.

“L’incontro con Lapsus – ha affermato Gabriele Foroni, promotore del progetto – non poteva che essere folgorante”.

“Infatti, nei lavori artistici e creativi di questi artisti – ha proseguito Gabriele Foroni – è tangibile il loro linguaggio espressivo, un differente angolo di visione che ha indicato facilmente la via da percorrere”.

“Con il presidente e art director di Lapsus Andrea Simonetti – ha aggiunto – abbiamo deciso di rappresentare nelle etichette del Verdicchio Le Piaole il nostro territorio e i nostri vigneti accogliendo il punto di vista indipendente degli artisti Lapsus”.

“A causa delle restrizioni antiCovid 19 e, quindi, ai fini della tutela degli stessi ragazzi – ha spiegato Foroni – non abbiamo potuto ospitarli nei nostri locali, dovendoci limitare a fornirli di documentazione video e fotografica dei vigneti e dei componenti della famiglia che lavorano in cantina, tutte testimonianze che raccontano un po’ di storia familiare e aziendale, con l’intento di farli entrare e vivere appieno la nostra realtà”.

“Il risultato – ha concluso – è stato un’esplosione di colori ed emozioni, minuzie e sfumature al di sopra di ogni aspettativa. Nelle loro opere sono ben riconoscibili dettagli e particolari presenti nel nostro territorio come la linearità dei vigneti e la rappresentazione della biodiversità fatta di alberi che lo delimitano o di tracce di azzurro e blu atte a indicare il fosso del Granchio Nero, ruscello che divide in due la proprietà”.

“Vogliamo considerare questo progetto – sono infine intervenuti Andrea Petrini e Matteo Foroni, co-titolari della Tenuta dell’Ugolino – come punto di partenza per ulteriori collaborazioni future, nella speranza di riuscire a ospitare presto i giovani artisti Lapsus per un confronto diretto sulle rispettive esperienze”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.