Largo Europa nel mirino di vandali. Residenti in protesta

JESI – Residenti sul piede di guerra in via Largo Europa. Il piccolo angolo di verde circondato dalle palazzine del quartiere è preso di mira da ragazzini terribili, per lo più minorenni, che trascorrono qui le loro serate estive seminando rifiuti qua e là. Cartacce, resti di merendine, pacchetti di sigarette, bottiglir: a questo si aggiungono anche schiamazzi fino a tarda notte e piccoli atti vandalici.  Come lanciare sassi contro alberi o panchine. «È inaccettabile che rovinino un parco un tempo ben pulito e tenuto, a disposizione di tutti e frequentato dai bambini – dicono i residenti  – Sulle risate e le chiacchierate a voce alta fino a tarda notte, si può anche soprassedere, dato il periodo estivo. Su tutto il resto, però, l’indignazione è tanta. Il Comune di Jesi dovrebbe fare controlli e multare chi non ha senso civico». Rovinati anche i giochi destinati ai bambini: «L’altalena purtroppo è rotta da alcuni mesi – dicono i residenti –  I bravi e ben educati adolescenti hanno pensato di salirci in tre o quattro sui seggiolini fino a staccarli del tutto. Ora in altalena qui i bambini non possono più andare».  Anche il marciapiede che circoscrive il parco è dissestato, pieno di erbacce e con mattonelle distrutte. Lo scorso week end alcuni ragazzini si sono divertiti a giocare al tiro al bersaglio con delle bottiglie di vetro, utilizzando proprio i pezzi di mattonelle staccati dal marciapiede.

«C’è gente che di notte si reca qui a passeggio con il cane, ad esempio. Senza contare le numerose automobili parcheggiate nelle prossimità del parco che potrebbero ricevere una sassata da un momento all’altro». Alcuni residenti di Largo Europa sono anche scesi a discutere con i ragazzini, esortandoli a cambiare atteggiamento ma senza successo: «Ci sono vicini che stanno pensando di rivolgersi ai carabinieri per denunciare il fatto. Questo è un giardino prediletto da bambini che giocano, un motivo in più per rispettarlo e tenerlo pulito».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*