L’arrivederci dell’Università degli adulti all’autunno per il decimo anno di attività

Università adulti, iscritti in crescita

MOIE – Sette mesi di intensa attività, fra corsi, laboratori, escursioni e uscite didattiche. Sette mesi di novità, dalle lezioni di cinese al progetto pilota di un corso di formazione per badanti, dal sostegno alla formazione nei paesi poveri dell’Africa alla gita di tre giorni nel Gargano. Sono alcuni dei momenti più significativi del nono anno accademico dell’Università degli adulti, l’istituzione voluta e sostenuta dall’Unione dei comuni della Media Vallesina. Il tempietto recentemente restaurato di Villa Salvati di Pianello Vallesina ha ospitato ieri (domenica 22 giugno) la cerimonia di chiusura dell’ateneo, gestito da un’associazione di cui è presidente Letizia Saturni.

A salutare iscritti, docenti e sostenitori dell’Università sono stati, oltre alla Saturni, il presidente pro tempore, nonché sindaco di Maiolati Spontini Umberto Domizioli, e lo storico Riccardo Ceccarelli, che ha presentato il quinto volume dei “Quaderni storico Esini”. A fare da accompagnamento musicale alla serata, il Saxophon Quartet, con musiche di Bach e Rossini.

Fra i presenti, anche il sindaco di San Paolo di Jesi, nonché ex presidente dell’Unione Sandro Barcaglioni, e il neo eletto sindaco di Castelbellino Andrea Cesaroni.

“Mi complimento con questa bella realtà – ha detto il presidente pro tempore Domizioli – che l’anno prossimo potrà festeggiare il traguardo, all’inizio impensabile, di un decennio di attività. Un’istituzione cresciuta anno dopo anno, attraversando percorsi culturali e aggregativi, approfondendo tante discipline e raccogliendo centinaia di iscritti, di tutte le età e da tutta la Vallesina”. Domizioli ha ringraziato la presidente e tutto il direttivo dell’associazione, l’ex presidente Cesare Bellini, docenti e iscritti. Ringraziamenti ribaditi dalla Saturni e rivolti anche al partner Sogenus spa che “ha continuato a sostenere le nostre attività”. La presidente ha parlato di “un collegamento sempre più forte fra l’Università e il territorio, e con le tante realtà culturali e istituzionali, dalla Fondazione Pergolesi Spontini col progetto teatro all’Università Politecnica delle Marche con il corso di erbe spontanee”. Quindi ha tracciato un bilancio dei sette mesi trascorsi, dando l’appuntamento all’autunno, quando si aprirà il decimo anno di attività. “Abbiamo già scelto il filo conduttore dei corsi – ha annunciato la Saturni – che dopo l’Ottocento dai mille volti sarà il Novecento, con l’attenzione rivolta alla ricorrenza del centenario dalla Grande Guerra”.

La serata è proseguita con l’intervento di Ceccarelli che ha presentato il quinto numero dei Quaderni. Una pubblicazione che in questi anni ha visto “quattordici Comuni toccati dalle ricerche, venti autori che hanno scritto sulla rivista, sette diari di guerra pubblicati e ben 51 volumi recensiti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*