L'artigianato non ingrana la ripresa: chiuse 150 imprese in Vallesina

JESI – L’artigianato fatica a ingranare la ripresa. Secondo l’analisi di Confartigianato nel2014 inVallesina hanno chiuso i battenti 150 attività artigiane; 151 le nuove imprese iscritte.

Le aziende che chiudono sono spesso attività “storiche”, radicate nel territorio dice Giuseppe Carancini segretario  della Confartigianato di Jesi. Anni di crisi hanno intaccato la resistenza dei comparti produttivi  tradizionali, quali il manifatturiero e le costruzioni. Nel 2014 ben  38 imprese artigiane della manifattura hanno chiuso, 31 le aperture (saldo -7); nello stesso anno ci  sono state 62 cessazioni di aziende artigiane delle costruzioni, e 55 iscrizioni (saldo -7). A fronte delle cessazioni di queste imprese strutturate, ci sono nuove attività che aprono. In particolare nel comparto dei servizi alla persona che nel 2014 con 37 iscrizioni e 22 cessazioni ha avuto un saldo del +15.

La difficoltà di tutti i giorni per piccole imprese  della Vallesina è far fronte alle spese che crescono senza misura: la pressione fiscale è assurda, la burocrazia ingessa l’iniziativa imprenditoriale e rende complicata ogni procedura. Assieme ai bilanci aziendali soffrono di logica conseguenza anche quelli familiari, la minore ricchezza prodotta comporta anche un diffuso impoverimento del territorio.

Non sia inascoltato dalle Istituzioni il grido della micro e piccola impresa che chiede condizioni adeguate alla ripresa – conclude Giuseppe Carancini Segretario Confartigianato Jesi. Non è impossibile, ma occorrono sinergia e strategie forti che puntino alla valorizzazione della imprenditorialità locale, alla individuazione delle nuove logiche di mercato, a un rafforzamento delle reti di impresa, alla esportazione delle eccellenze. Gli artigiani sono la forza dell’economia della Vallesina e intendono riportare questo territorio alla ricchezza del suo passato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*