L'artista Zenobi in Consiglio Comunale: "Graffiti forma d'arte che arriva alla gente" | | Password Magazine

L'artista Zenobi in Consiglio Comunale: "Graffiti forma d'arte che arriva alla gente"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Oggi l’artista Federico Zenobi sarà ospite al Consiglio comunale, sostenuto dall’associazione Jesiamo.

Durante il suo intervento, saranno proiettate le sue opere più importanti, insieme al racconto personale dell’artista sulla nuova forma d’arte del graffito. Federico Zenobi, classe ’86 , artista figurativo urbano, principalmente conosciuto per i suoi lavori di ” murales”, spazia con le sue opere dal grafitismo alla pittura, dilettandosi anche nel body tatoo.

“Amo i graffiti perché so essere un’espressione che arriva subito e a migliaia di persone – fa sapere l’artista in un comunicato stampa di Jesiamo – per i quadri è diverso, ce ne sono alcuni che tengo nascosti nel mio studio, perché  sono più intimi , nascono in altri momenti, più privati”.
Così, riservato e modesto, Zenobi si  racconta, artista ormai conosciuto a livello mondiale, che vanta collaborazioni dall’Asia agli Stati Uniti.
Due settimane fa, proprio a Jesi, ha ultimato un graffito di ampie dimensioni, sull’intonaco di un muro di via XX luglio, insieme all’artista argentino Bosoletti.
Riqualificando uno di quegli spazi autorizzati dal Comune, dedicati al “grafitismo di qualità”.
Uno dei progetti in cui è attualmente impegnato Zenobi, è la pittura di 70 metri di lunghezza per una grande azienda di libri in Emilia, ha collaborato di recente con una nota impresa di jeans marchigiana ed è stato chiamato da un ‘azienda di moda brasiliana, a collaborare per delle loro stampe in edizione limitata. Nell’ultimo anno è stato ospite di un importante festival di settore in Olanda, una settimana di eventi, durante la quale  Zenobi, ha dipinto in diverse situazioni, lasciando una testimonianza del suo lavoro.
A tal proposito racconta: “Si stanno creando grandi festival intorno alla street art, all’arte urbana, sintomo di un interesse crescente verso questa forma d’arte che sta prendendo piede, uscendo dal mondo suburbano, al limite del lecito, sdoganato in tanti settori, non più solo dipinti sui muri ma anche a ridosso di aerei, navi, palazzi”.

Fra gli interventi di Zenobi più recenti, si ricordano il dipinto sulle pareti esterne del palazzetto dello sport a Fabriano, su una zona dell’ospedale di Torrette, l’accordo prossimo di un intervento nel reparto donazioni dell’Avis e in zone dedicate ai bambini, in cui la parte visiva è fondamentale, per creare un ambiente accogliente e piacevole.
Ha collaborato a progetti per un’università in Turchia, si è esibito in più occasioni a Los Angeles, ha collaborato in un centro per bambini, in una zona andina dell’ Ecuador.

Le sue opere su commissione sono in tanti paesi europei, dalla Romania, alla Croazia, alla Francia. Nonostante la fama, ha scelto di restare a lavorare nella sua città natale, dove ha sede il suo laboratorio. A Jesi, fra l’altro, ha già personalizzato tanti muri, fra cui quelli della parte esterna del liceo scientifico Leonardo Da Vinci. Un’idea potrebbe essere, favorevole l’Amministrazione comunale, che l’artista possa regalare un’ulteriore opera a questo istituto, per celebrare il titolo di Jesi città europea dello sport, nell’anno in cui la scuola apre la sua prima sezione dedicata al Liceo sportivo.

L’Assessorato alla Cultura sta valutando, di fare un incontro divulgativo sull’arte visiva urbana, con capofila Federico Zenobi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.