Lascito Morosetti, il sindaco: «Denari pubblici da spendere». Ecco le opere previste | Password Magazine

Lascito Morosetti, il sindaco: «Denari pubblici da spendere». Ecco le opere previste

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Lascito Morosetti, risorse pubbliche di cui l’Amministrazione non può non tener conto». Il sindaco Massimo Bacci ha sottolineato il «dovere da parte della Giunta di fornire indicazioni su come spendere quel denaro pubblico», annunciando l’intenzione di proseguire sulla via dello spostamento della fontana da piazza Federico II a piazza della Repubblica in vista del prossimo Consiglio comunale.

foto

Adempiendo alle ultime volontà del fumettista recentemente scomparso, il Comune potrebbe così mettere mano su un tesoretto da 2 milioni di euro, utilizzando le risorse residuali per apportare miglioramenti al centro storico cittadino e non solo. Determinante però sarà il fattore tempo: «Come è noto ci sono nel testamento vincoli di tempo ben precisi – spiega il sindaco – Accettare la proposta di referendum consultivo sul ripristino della fontana (altro punto all’Odg del prossimo Consiglio) significa di fatto bocciare il lascito. C’è necessità di partire immediatamente, viste le tempistiche burocratiche, e andare alle urne significa di fatto impiegare altri 2 mesi. A questo si aggiungono le restrizioni imposte dalla pandemia che, già in Calabria, hanno portato alla posticipazione delle elezioni nel periodo finestra compreso tra febbraio e aprile. Immagino che la Prefettura di Ancona non autorizzerebbe mai un referendum prima di quella data. Tocca dunque a noi, rappresentanti dei cittadini, ad esprimere un parere in merito». Se bocciato dal Consiglio il referendum, resterà aperta per i promotori la possibilità di presentare una nuova proposta attraverso una raccolta firme tra cittadini. Se il Consiglio voterà a favore dell’eredità e dello spostamento dell’obelisco, la fontana dovrà essere in piazza della Repubblica entro il 22 luglio: solo allora arriveranno i 2 milioni del lascito sul conto del Comune, costretto dunque ad anticipare le risorse. «Un rischio che siamo disposti a correre».

Spostamento della fontana in piazza della Repubblica: i lavori pubblici per 760 mila euro.

Per il trasloco dell’obelisco è stata stimata una spesa di circa 760 mila euro. Lo ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Roberto Renzi: «In questo periodo, la Giunta ha dato mandato di fare possibili valutazioni relative ad interventi per ripristinare il monumento in piazza della Repubblica, con tutti gli accertamenti tecnici e amministrativi necessari per questa operazione nei tempi previsti». La fontana dei leoni, già spostata nel 1949, sarà scomposta nei sui elementi e assemblata poi davanti al Teatro Pergolesi, dove la ricordava Morosetti:  «La transizione avrà il costo complessivo di 500 mila euro, comprensivo di trasporto, allacciamenti all’acqua, alla linea elettrica e alle fognature, lavori di ripristino della pavimentazione in piazza Federico II – ha spiegato Renzi -. Alla somma si aggiungono spese per progettazione e ulteriori 180 mila euro per eventuali imprevisti, non ultime le prescrizioni della Soprintendenza». Un totale dunque di 760 mila euro: «Resta in residuo 1 milione e 240 mila euro da spendere in numerose opere del centro storico – aggiunge l’assessore -. Tra queste sicuramente il restyling definitivo di piazza della Repubblica, secondo un progetto da rivedere, in quanto l’attuale è stato respinto dalla Soprintendenza. Sarà dunque rivisto anche alla luce dello spostamento della fontana».

Come già annunciato, le risorse saranno impiegate dall’Amministrazione per l’eliminazione delle barriere architettoniche, secondo il piano PEBA già approvato; a questo si aggiunga la ricollocazione di una statua seicentesca – una madonna lauretana attualmente collocata all’interno della Chiesa di San Marco – nel suo luogo di origine, ovvero una nicchia allora presente sulla facciata del Comune in prossimità dell’arco del magistrato. «La somma residua – aggiunge Renzi -, ci dà l’opportunità di aggiungere al nuovo centro Alzheimer di via Finlandia ulteriore verde e arredi per la struttura. Infine saranno realizzate opere per il teatro Moriconi: gli ultimi interventi di questo pacchetto saranno dedicati alla struttura del complesso San Floriano affinché diventi un centro musicale e di proiezioni cinematografiche, con l’obiettivo anche di mettere mano alla cisterna romana».

butini

Piazza Federico, il nuovo cuore culturale della città

«Nel 1949 lo spostamento della fontana è stato visto come la liberare piazza della Repubblica, destinata al traffico automobilistico, da un oggetto ingombrante per metterlo in luogo al tempo privo di attività – è la premessa dell’assessore alla Cultura Luca Butini -. Ora con il teatro Moriconi c’è la possibilità di accogliere in questa piazza le tante attività che nel corso degli anni si sono succedute senza coesistere. Completati gli interventi antincendio, attualmente in corso, migliorata l’insonorizzazione e offerta una maggiore interattività con la piazza su cui si affaccia, grazie allo spostamento della fontana, sarà possibile ospitare non solo eventi di pubblico spettacolo ma anche offrire una nuova cornice ad artisti, attività cinematografiche, eventi culturali, dotando gli spazi di attrezzature tecnologiche». (c.c.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.