Lascito Morosetti, residui per il PEBA. JiC e PD: «Costruzione politica ad hoc e immorale» | Password Magazine

Lascito Morosetti, residui per il PEBA. JiC e PD: «Costruzione politica ad hoc e immorale»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
PD e Jesi in Comune

JESI – Lascito Morosetti, risorse residue per abbattere le barriere architettoniche?
Ecco cosa ne pensano dall’opposizione Jesi in Comune e PD Jesi in merito alla proposta avanza dall’Amministrazione comunale.

Per il gruppo consiliare Jesi in Comune:

«Lo spettacolo dato in Consiglio comunale è la prova dell’ inadeguatezza politica di questa maggioranza e del fatto che le scelte vengono maturate sulla base del momento, magari dell’orgoglio ferito, ma non certo di una visione di città .

Se non fosse stata l’opposizione prima a segnalare l’errore e poi a farsi carico da sola (ad eccezione presidente del Consiglio Massaccesi) del rinvio al rinvio della pratica di affidamento dell’incarico esterno, ci saremmo trovati di fronte ad una delibera viziata, che avrebbe potuto avere conseguenze sugli atti successivi.

Questo il senso di responsabilità della maggioranza.

Quello che è emerso con chiarezza è che il motivo per cui il Sindaco ha già deciso di accettare il lascito di Morosetti non è legato alla volontà ed alla condivisione del progetto di spostamento della fontana, con tutte le conseguenze del caso, ma alla somma residua di cui il comune potrà disporre.

Se proprio per questa amministrazione l’attuazione del Peba era una priorità si potevano destinare a questo intervento le somme utilizzate altrove, per esempio per il rifacimento del corso.

Certo per l’attuazione del Peba è ora scossa: sono passati otto anni da quando governano la città e ci vogliono fondi sicuri. E’ immorale condizionarlo ora all’esito della scelta sul lascito, che riguarda una questione del tutto diversa e cioè l’opportunità di spostare una fontana e buttar per aria i progetti di due piazze (quello realizzato non molto tempo fa in piazza Federico II e quello solo progettato, ma che dovrà essere cestinato, per il rifacimento di piazza della Repubblica). Oppure lasciare semplicemente che vadano in beneficenza.

Per nulla secondaria la questione della possibile nullità del lascito con vincolo perpetuo: spostiamo la fontana con il rischio che il testamento possa essere impugnato?

Prima di decidere bisognerà sgombrare il campo dai dubbi, quelli giuridici innanzitutto e poi quelli estetici e quelli che riguardano le valutazioni di priorità e opportunità».

Dall’opposizione incalza anche il PD Jesi.

«Il lascito di Cassio Morosetti ha lo scopo di spostare la fontana dei leoni da piazza FII a piazza della Repubblica, punto.

Qualora il Comune non intendesse appagare questo suo desiderio, l’alternativa esiste e giustamente ce la indica sempre Morosetti, visto che i soldi erano suoi. 

Le sue risorse sarebbero infatti devolute alla Lega del Filo d’Oro, alla Fondazione “Opera San Francesco per i Poveri” e all’associazione “Pane Quotidiano”.

Quale tra le due opzioni, soprattutto nelle circostanze pandemiche odierne, rappresenti una urgenza ed una meritoria azione di sostegno a chi ha difficoltà, pare di palese evidenza.

Il punto relativo alla destinazione dell’eventuale residuo, a favore del PEBA, è una costruzione politica, che l’amministrazione comunale imbastisce ad hoc.

Lo spostamento della fontana dei leoni è innegabilmente più pronto che auspicato, senza che la città abbia avuto modo di esprimersi. 

A ciò si aggiunge oggi l’ulteriore incertezza del residuo, del quale non si possiede alcun elemento utile a comprenderne la quantificazione.

Dato importante questo, visto che spostare la fontana dei leoni, implica necessariamente anche dover progettare il riallestimento di piazza Federico II, ridefinire il progetto di piazza della Repubblica (pronto da tempo) e dare poi luogo all’esecuzione materiale delle opere. Tutte cose che hanno un evidente costo.

L’abbattimento delle barriere architettoniche dovrebbe piuttosto avere già individuate le risorse da utilizzare, proprie dell’Ente, e non lasciti testamentari, che hanno carattere meramente casuale.

Il tutto a meno che, e non ci sentiamo di escluderlo, questa amministrazione abbia deciso di affidare l’esecuzione della progettazione al caso.

Ultimo ma non ultimo: le piazze contano ed anche parecchio.

Contano perché è lì che, da sempre, si tessono relazioni cittadine e ne rappresentano il simbolo. Tempi come questo dove, per necessità, si sta disaggregando la nostra socialità, ce lo gridano in faccia. Ed allora che si lascino le nostre due piazze così come sono al fine di mantenere intatti i luoghi della nostra identità cittadina che funzionano, che hanno funzionato e continueranno a farlo anche dopo questo drammatico momento. Senza lasciare da parte, da un lato l’aiuto ai più bisognosi, che il testamento prevede e per altro l’abbattimento delle barriere architettoniche, per il quale daremo il nostro contributo, così abbiamo sempre fatto, anche per altre opere urgenti e necessarie per la nostra città».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.