Astralmusic

L’Asp 9 chiede alla Regione l’immediato ripristino del Fondo indistinto per il sociale

JESI – Il Presidente dell’Asp Ambito 9 Sergio Mosconi e il direttore Franco Pesaresi in prima linea per il mancato finanziamento da parte della regione Marche del fondo sociale indistinto per il sociale.

Si tratta di una situazione insostenibile che va avanti dal 2015. La cifra che la Regione metteva a disposizione oscillava tra i 5 e i 10 milioni, soldi che andavano a coprire i 23 ambiti territoriali sociali delle Marche: nello specifico dell’Ambito 9 si parla di 350.000-500.000 euro.

Con il suddetto fondo, tutti gli ambiti sociali delle Marche finanziavano le spese per il personale e le altre spese di organizzazione insieme ad interventi sociali di interesse per tutto il territorio dell’Ambito: “Così facendo i disagi aumentano e, soprattutto, aumenta il precariato – spiega Sergio Mosconi – senza lo stanziamento del fondo si impedisce di far crescere la struttura, se ne limita la stabilità e l’organizzazione amministrativa”. Nello specifico, l’Asp Ambito 9 negli anni è stata in grado di trasformare il personale precario in personale a tempo indeterminato, ma nel resto della regione i numeri spaventano: negli Ambiti territoriali sociali il precario relativo all’anno 2014 era di 151 unità, quello relativo al 2017 era di 152. Ciò si può risolvere soltanto con finanziamenti certi e costanti, perché quello che si viene a creare è un sostanziale spreco di risorse, in termini di tempo e denaro: “Si obbliga la stessa struttura ad ingegnarsi per trovare i finanziamenti altrettanto temporanei e precari per mantenere in piedi l’organizzazione del sistema, quel sistema che dovrebbe invece dare tutto sé stesso per creare del bene”, aggiunge il direttore Franco Pesaresi.

Ciò che l’Asp Ambito 9 chiede, a nome di tutti i 23 Ambiti sociali delle Marche, è il ripristino del Fondo sociale indistinto di Ambito. Non chiedono risorse in più ma che il fondo venga finanziato, riducendo le risorse messe a disposizione per gli altri settori del sociale. “Non si può pensare di dare attuazione alle diverse attività nei vari settori sociali se non c’è un’organizzazione che se ne occupa – conclude il direttore – questa è la pre-condizione per la costruzione di un welfare che aiuti efficacemente le persone”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*