L’Aspirafiori, il romanzo d’esordio di Roberta Mangoni

JESI- Una metamorfosi dell’anima. Il romanzo d’esordio di Roberta Mangoni, jesina classe 1984, racconta la rielaborazione di un dolore, quello per la perdita di una madre. Edito da Planet Book, l’opera prima della giovane autrice, l’Aspirafiori, è questo e molto altro ancora, a partire dalla prosa che dà voce alla storia di un’anima ferita, quella della giovane protagonista, la ragazza della porta accanto, alle prese con le sfide della quotidianità, ma al tempo stesso schiacciata dal peso di un’assenza. In caduta libera verso l’abisso, Marta riscopre ed impara a conoscere la madre, i suoi sogni e i recessi più nascosti della sua anima, proprio dopo averla perduta, attraverso un percorso irto, ma ricco di sorprese e colpi di scena. Sorprende, nel romanzo della Mangoni, la capacità di dare unità e struttura alla storia e allo sviluppo psicologico del personaggio. Piace lo spiraglio di luce e il bagliore della speranza che attraversano il racconto, quasi in un climax, tipico di certa narrativa. Per lo meno quella più cara al sottoscritto, erede di illustri modelli, primo fra tutti quello steinbckiano, secondo il quale la letteratura dovrebbe sempre dare un messaggio di speranza. Appuntamento  domenica 17 novembre, presso palazzo Bisaccioni di Jesi, alle ore 17.30, presente l’autrice. Modera il direttore di Voce della Vallesina Beatrice Testadiferro, con la partecipazione di Sergio Cardinali, il commento del sottoscritto e la performance dell’attrice Eleonora Peroni e l’intrattenimento a cura di Federica Squadroni ed Elisa Carletti di scuola Motus Danza e Giacomo Caccavale al violino

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*