L'assessore Traversi sul riconoscimento della legge 194 | Password Magazine
Festival Pergolesi

L'assessore Traversi sul riconoscimento della legge 194

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Coerentemente a quanto dichiarato rispetto alla necessità che anche sul nostro territorio vengano garantiti i diritti riconosciuti dalla 194, ho preso contatti con il dott. Curatola, primario di ostetricia e ginecologia, il quale mi ha garantito che da gennaio sarà riattivato il servizio di interruzione di gravidanza, attraverso l’intervento di un medico dell’Ospedale di Fabriano con frequenza settimanale”.

Così l’assessore ai servizi sociali Barbara Traversi assicura Rifondazione Comunista che in una nota stampa le aveva chiesto quali iniziative avesse intrapreso l’Amministrazione comunale su questa delicata tematica.

“Ritenendo comunque necessaria l’individuazione di una soluzione definitiva al problema – ha aggiunto l’assessore Traversi – ho ribadito le preoccupazioni dell’Amministrazione comunale al dottor Ciccarelli, direttore dell’Asur Marche attualmente facente funzione anche di direttore dell’Area Vasta 2, durante una riunione svoltasi martedì 18 ottobre, alla presenza anche del sindaco Bacci. Il dottor Ciccarelli si è impegnato ad approfondire la questione per verificare le possibili vie di uscita. Ho avuto modo di verificare che si tratta di un problema complesso e delicato, legato non solo all’esercizio del diritto all’obiezione di coscienza ma alla possibilità, per chi non esercita questo diritto, di svolgere serenamente e con tutte le garanzie il proprio lavoro. Non ho alcuna intenzione di lasciar cadere la cosa, ma al contrario di monitorarla strettamente e continuare a lavorare per una soluzione, in un’ottica di collaborazione con il dott. Curatola e gli altri operatori della sanità. Mi aspetto la stessa collaborazione dai cittadini e dalle forze politiche. È legittimo e utile rivendicare un diritto riconosciuto, ma bisogna farlo sempre in modo responsabile e costruttivo, senza strumentalizzazioni di alcun genere”.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.