L'Associazione di Storia Contemporanea di scena alla Biblioteca di Jesi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

L’Associazione di Storia Contemporanea di scena alla Biblioteca di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Venerdì 15 aprile, alle ore 17.30, un importante appuntamento storico-culturale viene ospitato presso la Biblioteca Planettiana di Jesi. Si tratta della presentazione del volume Le Marche e la grande trasformazione (1954-1970) (Ed. Aras, 2016, pp. 318), promosso dall’Associazione di Storia Contemporanea e curato da Silvia Serini. All’opera hanno contribuito diciotto tra studiose e studiosi del nostro territorio per ricostruire come quest’ultimo ha affrontato le notevoli sfide di un frangente estremamente importante della nostra storia. La seconda metà degli anni cinquanta e soprattutto gli anni sessanta segnarono numerosi cambiamenti sul piano storico: la stabilizzazione delle istituzioni repubblicane e l’ingresso di una nuova generazione di dirigenti all’interno della Dc e delle forze di sinistra; il boom economico; l’avvento del centro-sinistra; l’affermazione di un nuovo modello economico; la contestazione studentesca e il movimento del ’68, e molto altro ancora. Ma questo volume, che contiene tra gli altri saggi di Ercole Sori, Marco Severini, Ilaria Biagioli, Lidia e Domenico Pupilli, Silvia Barocci, Luca Frontini, Giuseppe Morgese e Stefano Bracalente, ha scelto di analizzare questi e altri aspetti dalla visuale marchigiana, di un territorio cioè ancora sostanzialmente sconosciuto alla popolazione italiana. Come annotò Guido Piovene, nel corso del suo celebre Viaggio in Italia (1957), le Marche erano una terra dal fascino antico, ma ancora tutte da scoprire.  Il libro costiituisce il VI tomo del progetto “Storia delle Marche nel XX secolo” che, ideato e coordinato dal prof. Marco Severini (Università di Macerata), ha visto la luce nel 2007 e, con volumi curati sempre da uno studioso/a differenti, troverà conclusione nel 2017. Oggi sono previsti gli interventi del prof. Severini, della curatrice e di alcuni tra autori e autrici dell’opera. La manifestazione si svolge con il patrocinio del Comune di Jesi e del suo Assessorato alla Cultura.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.