Latitante condannato per furto sfugge alle autoritá, arrestato | | Password Magazine

Latitante condannato per furto sfugge alle autoritá, arrestato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESIJESI – Ieri sera i Carabinieri della Stazione di Jesi hanno tratto in arresto  Mohommad Mohsin, 19 anni, disoccupato e originario del Bangladesh, residente a Jesi, su ordinanza della Procura di Ancona. Il ragazzo, quando era minorenne, era stato arrestato sempre dai Carabinieri di Jesi il 9 marzo 2013, poiché sorpreso in flagranza di furto all’interno dell’edicola “Anto e Roby”, sita presso il centro commerciale “Il Torrione”, in via dei Telari di Jesi, ed era stato affidato dalla Procura dei Minori alla comunità San Giuliano di Macerata. Lo stesso si era però allontanato dalla stessa comunità rendendosi irreperibile, motivo per il quale era stato nuovamente arrestato e tradotto presso il carcere minorile di Bologna, così come disposto dal Tribunale per i minorenni di Ancona. Recentemente era stato scarcerato con l’unico obbligo di presentarsi presso la Stazione CC di Jesi una volta al giorno (misura dell’obbligo di presentazione alla PG), cosa che ha fatto regolarmente fino a un mese fa, quando ha deciso autonomamente di non presentarsi più, rendendosi irreperibile e dimostrando insofferenza alla legge italiana. Ieri sera i Carabinieri della Stazione di Jesi lo hanno rintracciato e tratto in arresto, traducendolo presso il carcere di Montacuto di Ancona, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Ancona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.