L'attacco di Percorso civico: «Bando perduto, nessuna scusa della Giunta può essere accolta» | Password Magazine

L’attacco di Percorso civico: «Bando perduto, nessuna scusa della Giunta può essere accolta»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – «Dire la verità e arrivare insieme alla verità è atto rivoluzionario, a qualcuno darà fastidio ma quando si perdono così tanti soldi per il territorio, la propaganda ha le gambe corte e cade di fronte all’evidenza dei fatti. In Italia come in Vallesina, i Comuni stanno già incassando le prime quote del contributo a fondo perduto. Castelbellino, Monte Roberto, San Paolo, Rosora, Montecarotto, Poggio San Marcello, Staffolo saranno coperti da centinaia di migliaia di euro. A Maiolati Spontini ci dovremmo accontentare delle giustificazioni di un’ Amministrazione che nei fatti ha dimostrato di non saper tutelare gli interessi dei cittadini che amministra». Continua l’attacco di Percorso Civico dopo la replica dell’Amministrazione comunale sul «giallo» del contributo mancato per le opere pubbliche.  

«Le altre giunte – spiega Percorso Civico – in questi ultimi due anni si sono concentrate  sulla partecipazione ai bandi di finanziamento e proprio per questo beneficeranno di tanti soldi che miglioreranno le strutture, le strade, gli edifici pubblici e quindi le condizioni di vita e il benessere dei loro cittadini. La nostra continua a perdere tempo e occasioni preziose, chiudendo l’ultimo bilancio grazie agli introiti residui della discarica, tanto che la mancata partecipazione del nostro Comune ad una simile occasione, ha lasciato delusi i suoi cittadini e stupiti i Sindaci del territorio.

Le motivazioni con cui l’Amministrazione prova a giustificare la mancata presentazione della domanda non sono fondate, infatti basta pensare che tanti altri comuni, da quelli più grandi a quelli piu piccoli, sono riusciti ad ottenere i contributi. Si sono attivati inviando l’ istanza di partecipazione entro il termine del 15.09.2020, hanno atteso  la pubblicazione delle graduatorie e ottenuto la conferma di essere tra i beneficiari. Quelli che non lo avevano ancora fatto, stanno procedendo con l’aggiornamento del piano delle opere pubbliche,  inserendo l’intervento che verrà finanziato con il contributo stesso.

Nessuna scusa sulle tempistiche e sulle coperture finanziarie, può quindi essere accolta.

Se la nostra giunta, non solo non è riuscita a prendere le medesime decisioni ma anzi accusa la minoranza di controinformazione, il problema è serio e molto grave perché offre due uniche soluzioni: incompetenza o pigrizia.

E nessuna delle due ipotesi è oltremodo tollerabile per il bene della nostra comunità.

Come minoranza abbiamo più volte offerto la nostra collaborazione, presentato proposte realizzabili e concrete, denunciato gli errori della giunta. Proprio per questo non siamo disposti a prendere lezioni di rispetto dei modi istituzionali da chi puntualmente convoca gli organismi di confronto solo se obbligato dalla norma o risponde alle richieste delle minoranze solo se richiamato dalla Prefettura.  Il Sindaco e la sua giunta, nel tentativo di delegittimare l’agire istituzionale delle minoranze con attacchi al limite dell’offensivo, si dimostrano sordi ad ogni confronto e chiusi nelle loro stanze. Guidano a vista il comune che per anni è stato capofila e che oggi, grazie al loro arrancare, si trasforma in fanalino di coda.

L’assenza di buoni risultati e anzi la perdita di ottime occasioni è la dimostrazione più efficace di quanto questa maggioranza sia inadatta al ruolo che ricopre.

I cittadini di Maiolati Spontini non meritano di essere presi in giro, e non sono più disposti ad accettare perdite  simili in termini di miglioramento del patrimonio del proprio comune, delle loro condizioni di vita, del proprio futuro. Ormai il tempo è scaduto.

… “Ma non ha niente addosso!” disse un bambino …“C’è un bambino che dice che non ha niente addosso!”. “Non ha proprio niente addosso!” gridava alla fine tutta la gente. E l’imperatore, rabbrividì perché sapeva che avevano ragione, ma pensò: “Ormai devo restare fino alla fine”. E così si raddrizzò ancora più fiero e i ciambellani lo seguirono reggendo lo strascico che non c’era.”
Tratto da “I vestiti nuovi dell’imperatore” di Hans Christian Andersen’. Percorso Civico» .

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.