Astralmusic

Ristrutturazioni al piano di sopra, il vicino tira fuori il fucile e minaccia operai

Astralmusic

JESI – Operai minacciati di morte con un fucile dall’inquilino del piano di sotto infastidito dai rumori dei lavori in corso in un appartamento. È accaduto nella tarda mattinata di ieri, una palazzina in zona Erbarella.

Una volante del Commissariato di Polizia si portava sul luogo, su richiesta al 113 pervenuta dai due lavoratori che, nel corso di opere di ristrutturazione di un appartamento, avevano subito minacce da parte del condomino dell’unità abitativa sottostante che lamentava il disturbo provocato dalle opere di rifacimento del pavimento al piano di sopra, seppur provocato in orario consentito. Nel dettaglio, l’uomo, dopo aver proferito nei loro confronti chiare minacce di morte, si era affacciato alla finestra mostrando loro un’ arma lunga, verosimilmente un fucile contenuta in un fodero, rafforzando così l’intensità della minaccia e facendo chiaramente intendere che dopo le parole sarebbe passato ai fatti.

Gli agenti, dopo aver adottato tutte le misure del caso a tutela dell’incolumità dei richiedenti di eventuali terzi presenti nell’area, accertavano attraverso il collegamento con la Sala operativa e gli archivi informatici del Commissariato di Polizia di Stato, l’effettiva residenza nell’appartamento in questione di un cittadino in possesso legittimo di tre fucili. Entrati al fine nell’unità abitativa gli operanti potevano identificare sia il detentore legale delle armi, un 81enne sia il proprio figlio di 49 anni. Quest’ultimo in particolare veniva individuato come il soggetto autore delle minacce nei confronti dei due operai,  aggravate dall’uso dell’arma fatto per il quale veniva deferito all’autorità giudiziaria.

In considerazione delle modalità di detenzione dei fucili posseduti tali da non garantire un’adeguata sorveglianza e controllo, anche l’81enne veniva denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di omessa custodia di armi con la conseguente segnalazione amministrativa ai fini della revoca del permesso di detenzione armi e conseguente divieto a conseguirlo in futuro. I tre fucili venivano sottoposti a sequestro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*