Le 6 facce del coaching: riflessioni, spunti e testimonianze

ANCONA – Imprenditori, sportivi e coach animeranno l’evento “Le 6 facce del coaching” organizzato dal Coaching club Marche di AICP – Associazione Italiana Coach Professionisti – il 29 settembre ad Ancona. Ospitato dall’Istao Business School, l’appuntamento consentirà di illustrare gli ambiti di applicazione del coaching, in particolare come metodo di accompagnamento e miglioramento delle performance nelle organizzazioni e per le persone.

«Le persone, le aziende, gli imprenditori, i giovani», ricorda Fabrizio Cipollini, responsabile del coaching club AICP Marche, «possono migliorare se sono dotati di strumenti e di modalità adeguati ai cambiamenti avvenuti. Per farlo devono riconoscere, valorizzare e allenare le potenzialità per raggiungere obiettivi concreti che sono loro stessi a determinare. L’attività di coaching facilita questo processo, in particolare agendo sulle cosiddette soft skills, cioè le competenze relazionali e ambientali non direttamente riconducibili alle conoscenze professionali».

L’evento di Ancona offre, per questo, riflessioni e spunti attraverso le testimonianze di imprenditori e sportivi di successo e di molti coach attivi in Italia. Sei le aree che saranno affrontate nel corso dell’incontro: la capacità di adattarsi al cambiamento, il metodo di coaching adottato dalle imprese, lo sviluppo personale, in particolare per i professionisti, le prestazioni in ambito sportivo e competitivo, l’attività con i più giovani per aiutarli a misurarsi con le sfide che devono affrontare e a raggiungere gli obiettivi che si pongono e infine il piano d’azione elaborato da ciascuna organizzazione o persona che intraprende un percorso di coaching.

Nato per le performance nello sport, il coaching è oggi esteso a tutti gli ambiti della vita. In Italia figura tra le professioni emergenti ed è molto utilizzato soprattutto in ambito aziendale e nelle organizzazioni complesse. L’attività di coach figura tra le professioni non ordinistiche riconosciute dalla legge 4 del 2013.

Comunicato da: Organizzatori

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*