Le associazioni di categoria sulla viabilità del centro: "Non si può più sbagliare"

JESI – Confcommercio, Confartigianato e CNA tornano sulla questione viabilità, in particolare sulle modifiche attuate durante la Fiera:

“Dovevano essere i punti fermi della nuova viabilità nel centro storico di Jesi ed invece alla prima occasione, la Fiera di San Settimio appena andata in archivio, il Comune di Jesi ha deciso che si poteva fare uno strappo alla regola. Così l’irrinunciabile chiusura dell’attraversamento di via Pastrengo è tornata un varco di scorrimento, come nella precedente disposizione viaria, e la pista ciclabile, vanto di eco sostenibilità e di buona pratica dell’amministrazione, è stata cancellata per fare posto alle bancarelle come se per la fiera non si potesse arrivare in centro con la bicicletta.

Il tutto senza un minimo di coinvolgimento prima della comunicazione e in barba ai reiterati appelli di chi, come le scriventi Associazioni e cioè Cna, Confcommercio e Confartigianato Jesi, continua a ripetere in primis che l’attraversamento su via Pastrengo è determinante per mantenere inalterato l’equilibrio di accesso al centro storico.

Sulla questione della pista ciclabile, sull’utilità della quale non mancano i dubbi delle scriventi, è stata sempre criticata la modalità con cui è stata attuata dato che un singolo stralcio di ciclabilità non serve a nulla.

La sensazione è che il Comune continui a muoversi senza considerare in toto le conseguenze di scelte non condivise. Le imprese della parta alta di corso Matteotti hanno già pagato pegno in maniera troppo pesante per decisioni avventate e confuse e non possono permettersi, la crisi attuale è sotto gli occhi di tutti, altri errori amministrativi.

Per questo Cna, Confcommercio e Confartigianato chiedono che non si prosegua  su una linea di testardaggine politica ma si torni al buon senso e alle scelte corrette a partire dalla riapertura dell’incrocio di via Pastrengo. Del resto, al di là della riqualificazione dell’area Arco Clementino, se ne torni a parlare e si decida dopo aver valutato attentamente ogni opzione perché è chiaro a tutti che non si può più sbagliare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*