Le consultazioni di Draghi, incassati i sì da Fi, Pd e Iv. Solo da Meloni no alla fiducia | Password Magazine

Le consultazioni di Draghi, incassati i sì da Fi, Pd e Iv. Solo da Meloni no alla fiducia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Seconda giornata di consultazioni per Mario Draghi.
Dopo le consultazioni di ieri con i partiti più piccoli (Azione e +Europa a Maie, Cd, Europeisti-Maie, Misto Camera, Nci, Cambiamo) oggi alla Camera il primo colloquio è stato con i rappresentanti del gruppo per le Autonomie del Senato, poi le consultazioni sono proseguite con Leu, Iv, Fdi, Pd e Fi. Tutti sì e un no, quello di Fratelli d’Italia.

Sì incassato dal PD, come spiegato dal segretario Nicola Zingaretti: «Abbiamo espresso la piena disponibilità a concorrere al successo del suo tentativo per la formazione di un governo in grado di rispondere alla fase di drammatica incertezza che sta investendo l’Italia. Nell’ambito di questa fiducia abbiamo espresso preoccupazioni e proposte» .

Conferme anche da Forza Italia e UdC a Draghi. «Forza Italia si aspetta une esecutivo di alto livello capace di rappresentare al meglio l’unità del Paese» sono le parole del vice presidente Antonio Tajani. E poi: «Siamo pronti a dare un contributo di idee e di programmi». «Siamo convinti a dare un sostegno al Presidente incaricato». Così il Presidente dell’Udc, Antonio de Poli dopo le consultazioni con il Presidente incaricato.

Accanto a Draghi c’è anche Italia Viva, con Matteo Renzi che ha detto: «Mario Draghi Presidente del Consiglio è una polizza assicurativa per nostri figli e nipoti. È il periodo storico in cui l’Italia avrà più soldi da spendere e questo ci porta a dire: chi meglio di Mario Draghi può gestire questo passaggio.

Per Leu mai con le destre: «Difficile tenere insieme forze che hanno difeso le scelte del governo con chi a settimane alterne era per chiudere o aprire e lisciava il pelo al negazionismo. Non firmeremo mai il programma di un governo in cui ci sia la flat tax». Lo afferma Federico Fornaro di Leu al termine della consultazione con il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi.
Dalle Autonomie c’è il «Sì a Draghi, disponibili a una soluzione che dia stabilità al Paese, che si colloca in una cornice Europea e abbia attenzione per Autonomia Speciali e minoranze Linguistiche. Abbiamo illustrato le questioni più importanti al presidente Draghi, devo dire che è stato un incontro molto positivo» ha detto la rappresentante Julia Unterberger.
L’unico no è quello di Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni che ha chiesto di andare alle urne: «Non voteremo la fiducia, l’Italia non è una democrazia di serie B. Se arriveranno provvedimenti per fare bene all’Italia, noi voteremo questi provvedimenti come abbiamo sempre fatto e aggiunge: «Mai andremo al governo con Pd, M5s e Renzi».
Considerato l’appoggio invece di Forza Italia, in attesa di conoscere la posizione della Lega, c’è aria di rottura nella coalizione di centrodestra? «Il centrodestra si è diviso varie volte e abbiamo sempre ricostruito – ha rassicurato Meloni -la coalizione è un valore».

Domattina, con Lega e Movimento Cinque Stelle, si chiuderà il primo giro di consultazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.