Le donne "Protagoniste" anche dal parrucchiere: l'idea di Romina e Catiuscia | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Le donne “Protagoniste” anche dal parrucchiere: l’idea di Romina e Catiuscia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Grande affluenza nel pomeriggio di ieri, Lunedì 25 Novembre, al salone di Parrucchieri Hairsense in Viale della Vittoria.

Non desterebbe stupore in effetti, se non per il fatto che in salone ieri non si effettuavano messe in piega o tagli, ma si è creato un importante momento di discussione, confronto e riflessione in occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne.

L’iniziativa è partita dalla visione comune di Romina Sommonte, proprietaria del salone, e dalla sua abituale cliente Catiuscia Ceccarelli, giornalista, autrice del blog “L’angolo di Key”, e autrice di un libro edito da Giraldi Editore, presentato ieri pomeriggio in salone.

“La cura e l’amore per se’ stesse, a partire dai piccoli gesti come un nuovo taglio di capelli, una piega che ci fa sentire più belle, un tacco alto per sentirci più sicure, è il primo passo per prendere in mano la nostra vita, e viverla da protagoniste” – è stato introdotto così il libro dal titolo evocativo:“Protagoniste”, un racconto di donne per le donne e non solo.

Questa introduzione è stata il motore per discutere il ruolo, difficile e non sempre visto in prima linea, delle donne.

Costrette a lasciare il proprio paese, la propria ideologia e le proprie ambizioni alla ricerca di un futuro migliore, con grandi sforzi si sono rivelate essere “donne che hanno reso la loro vita un capolavoro”, intervistate da Catiuscia la quale, a distanza di tempo, è tornata a chiedere loro chi sono diventate ora. L’esempio di queste donne che hanno avverato i loro sogni e progetti non rappresenta però, purtroppo, un racconto di vita comune per altre donne, vittime di violenza.

“Tutto parte dalla cultura di ognuno di noi. Nel mio caso, da uomo, posso dire orgogliosamente che il mio matrimonio ha visto due volte violenza, e sono stato io a prenderle” – commenta ironicamente Paolo Hinna, esperto del settore beauty e moderatore del talk-  Io sono cresciuto in un mondo prevalentemente femminile, in saloni di bellezza dove con leggerezza, e non con superficialità, si affrontano casi di cronaca quotidiana.

Sono dell’appunto che se in qualche modo l’amore è associato alla morte, è perché se non riesco a dare sufficiente amore, piuttosto mi tolgo la vita. Ma la realtà è purtroppo diversa.”

Ancora oggi si calcola che ogni 72 ore una donna venga uccisa, a seguito di continue violenze fisiche e psicologiche. Dati che lasciano perplessità anche per come vengono raccontati.

La direttrice della nostra redazione, Chiara Cascio, ha parlato della violenza trattata dai media.

Alla base di interviste a dir poco imbarazzanti e de-classificanti per la categoria, ci sono forme linguistiche e di pregiudizio ancora sedimentate, alle quali spesso neanche si fa troppo caso, talmente sono insite nel nostro linguaggio comune.

Ne ha parlato nel suo intervento Paola Moreschi della Casa delle Donne di Jesi: “Frasi come ti amo da morire o ti amo da impazzire indicano effettivamente di come sia malata una relazione che adotta questi termini”. “Parlare di raptus di violenza è come giustificare, de-responsabilizzare un carnefice, non è corretto” interviene Chiara Cascio.

Un ultimo importante aspetto è quello forse più silenzioso, dei figli che rimangono orfani a seguito di episodi di violenza: una storia a lieto fine, raccontata dall’Assessore ai Servizi Sociali, Marialuisa Quaglieri, è quella di una donna della Vallesina, sposata con un uomo benestante della zona che per anni ha malmenato lei e suo figlio. “L’impegno delle istituzioni e la rete delle associazioni femminili hanno permesso alla donna di trasferirsi in una nuova città con suo figlio: ora può riprendere in mano la sua vita” – ha raccontato con commozione l’Assessore.

 

Una cornice insolita per parlare di violenza, volutamente e piacevolmente informale, resa ancora più accogliente dall’aperitivo realizzato in accordo con le donne imprenditrici della Cantina Colle Onorato e del Ristorante La Rincrocca.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.