Le forze di opposizione contestano l'odg del prossimo Consiglio Comunale | | Password Magazine

Le forze di opposizione contestano l’odg del prossimo Consiglio Comunale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Un Consiglio con troppi argomenti da trattare, si rischia la superficialità e il rispetto verso al democrazia

JESI- Si è svolta lunedì 22 Luglio in Municipio la conferenza stampa organizzata dai gruppi di minoranza Pd con Osvaldo Pirani, Insieme Civico con Marco Giampaoletti, Laboratorio di Sinistra Jesi in Comune con Francesco Coltorti, Gruppo Forza Italia con Silvia Gregori e Movimento 5 Stelle con Claudia Lancioni, quest’ultime assenti per motivi di lavoro.

Osvaldo Pirani Pd
Marco Giampaoletti Insieme Civico
Francesco Coltori
Laboratorio Sinistra Jesi in Comune

Oggetto dell’incontro è il Consiglio Comunale fissato per Giovedì 25 Luglio che, secondo l’opposizione all’unanimità, è troppo corposo soprattutto per i cittadini perché verranno affrontate tutte insieme varie tematiche di interesse pubblico, come il Bilancio e interventi su lavori pubblici e due in particolare troppo importanti per essere dibattute nell’arco di una sola giornata: Statuto Comunale prima e Biodigestore poi.  Tutti argomenti accompagnati da mozioni e interventi. A pesare ancora di più sulla lunga giornata di giovedì – fa sapere Francesco Coltorti – il Consiglio Comunale aperto alla cittadinanza fissato a partire dalle 18.30 in cui confrontarsi su un altro argomento di grande interesse e importanza come l’ipotesi di impiantare il Biodigestore in zona Coppetella.
L’opposizione contesta al Presidente del Consiglio Comunale Daniele Massaccesi l’ordine del giorno  ritenuto troppo saturo per il prossimo incontro. La richiesta di Jesi in Comune e delle altre forze politiche presenti in conferenza è quella di rinviare a settembre/ottobre la questione sullo Statuto non avendo questo carattere di urgenza, pur rappresentando la Costituzione della città, al contrario del dibattuto sul Biodigestore.
Mettere troppa carne al fuoco in un unico consiglio che durerà dalla mattina fino a notte fonda in una giornata di luglio, afferma Coltorti, potrebbe mettere a rischio la partecipazione e l’interesse da parte dei cittadini che si auspica essere sempre molto attivi. Un consiglio ordinario dedicato potrebbe essere una soluzione alternativa.

Osvaldo Pirani del Partito Democratico parla di scarsa qualità della democrazia: “sembra che il tempo della democrazia sia tempo perso. È una questione di stile di come si conducono certe cose – afferma. Un Consiglio Comunale organizzato in questo modo non è un vero strumento di partecipazione e di discussione su temi fondamentali che riguardano la città”. Per il Pd, più che concentrarsi sullo Statuto, è bene dedicare la giusta attenzione al dibattito sul Biodigestore, è un tema delicato e sentito e per il quale è richiesta partecipazione e informazione da parte della gente.

Il timore dei promotori della conferenza stampa è anche dovuto al rispetto dei tempi: a causa di un corposo consiglio ordinario con le varie mozioni e discussioni su argomenti che prevedono lunghi dibattiti, specialmente in merito al Bilancio per il quale ci sono delle scadenze da rispettare, non si riesca a garantire la puntualità degli orari. Non è detto che il Consiglio aperto inizi alle 18.30. Si rischia di fare brutta figura con la cittadinanza, concordano gli esponenti dell’opposizione.
Della stessa opinione è Marco Giampaoletti di Insieme Civico che fa notare come sia inusuale e per questo molto significativo vedere tutte le forze politiche di opposizione notoriamente lontane unanimi contro la maggioranza, in questo caso conto la scarsa organizzazione dell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale. “è qualcosa di cui – secondo Giampaoletti – la maggioranza debba tener conto. Non ha tenuto conto, invece, dell’importanza delle tematiche indicate nell’ordine del giorno. La discussione sullo Statuto deve essere rimandata – ribadisce Insieme Civico. Non si tratta solo di mozioni che portano via del tempo ma ci sono anche delle interrogazioni alle quali va dato seguito. Tutto questo può creare problemi e va ad impoverire il peso del Consiglio Comunale”. Giampaoletti punta il dito anche sull’orario del Consiglio aperto  del pomeriggio dedicato al tema del Biodigestore perché scomodo e tardivo per affrontare un argomento focale per la città.

Gli argomenti previsti dall’ordine del giorno di Giovedì 25 Luglio sono piuttosto delicati che creano polemica politica e dibattito. Un consiglio unico potrebbe portare alla frettolosa chiusura di alcune questioni e arginare eventuali attacchi alla maggioranza.

L’appello finale di Coltori di Jesi in Comune rivoto al Presidente del Consiglio Comunale Massaccesi ma anche al resto dell’amministrazione è quello di rendersi conto che se tutte le forze politiche di opposizione, diverse ideologicamente tra loro, sono arrivate a convergere insieme in questa maniera, l’oggetto dell’incontro è da prendere in considerazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.