Le illustrazioni di Claudia Palmarucci in mostra a Jes! con Orecchio Acerbo Editore | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Le illustrazioni di Claudia Palmarucci in mostra a Jes! con Orecchio Acerbo Editore

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tra sogno e riscatto sociale: le illustrazioni della giovane promessa internazionale Claudia Palmarucci in mostra a Jes! assieme ai libri di Orecchio Acerbo Editore

Sabato 21 febbraio a Palazzo Santoni Jes! inaugura la personale di Claudia Palmarucci, la giovane illustratrice marchigiana che per originalità poetica, ricercatezza tecnica e in virtù dei numerosi riconoscimenti conseguiti all’estero nel giro di pochi anni, è stata definita da molti una promessa internazionale.

Nell’intento di sostenere la creatività e le professioni ad essa legate, la mostra apre una finestra sul mondo dell’editoria illustrata: assieme all’artista sarà ospite di Jes! la casa editrice Orecchio Acerbo, per la quale Claudia ha illustrato “La Rosa” di Ljudmila Petrusevskaja e “I musicanti di Brema” dei fratelli Grimm. Le tavole legate a queste due pubblicazioni assieme a una selezione di opere dell’artista e a numerosi libri della casa editrice romana saranno in mostra a Palazzo Santoni fino al 13 marzo.

Le illustrazioni di Claudia Palmarucci, come scrive Simona Cardinali nel testo critico, hanno la capacità di spingersi al di là del racconto da cui nascono per assumere vita propria: i personaggi, costruiti attraverso una sapiente ricerca tecnica, vivono in una dimensione rarefatta e senza tempo, in continuo dialogo con la storia dell’arte. Dalle ambientazioni metafisiche care ai Surrealisti, alla vena polemica della Nuova Oggettività tedesca, quello che emerge, nel lavoro di Claudia, è la richiesta di un riscatto sociale a favore degli emarginati in un’affermazione decisa del diritto alla libertà di scelta per ognuno. «Non si possono pienamente comprendere, se non si considera questo impegno dell’artista, le illustrazioni del testo “La Rosa” che riescono a far esplodere il racconto nella sua parte più commovente e più umana. La massaia, intenta in cucina, con aria pensierosa non sa spiegarsi il perché del continuo profumo di rosa che ha rubato l’aroma alle sue pietanze. A niente di più umano potrebbe far pensare la sua minuziosa rappresentazione, se non fosse disturbata da piccoli segni sulle braccia e ai lati della bocca che ci svelano la vera identità della donna: un burattino nelle mani di una società costretto a muoversi secondo un copione scritto da altri».

Durante il vernissage della mostra, sabato alle 18.15, saranno Fausta Orecchio e Simone Tonucci, fondatori di Orecchio Acerbo Editore, a introdurre il lavoro di Claudia Palmarucci. La loro preziosa presenza sarà anche l’occasione per creare un focus sul mondo dell’editoria illustrata in Italia e sulle ragioni che guidano il lavoro della casa editrice in compagnia di Francesco Gatti della Libreria dei Ragazzi di Jesi.

Grazie alla sinergia con queste realtà e alla collaborazione con i negozianti dell’associazione Jesi Centro, per tutta la durata della mostra, le vetrine del centro storico esporranno un libro illustrato della casa editrice.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.