Le Marche da oggi in zona arancione: le regole, gli spostamenti | Password Magazine

Le Marche da oggi in zona arancione: le regole, gli spostamenti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE  – Tutte le Marche di nuovo in zona arancione a partire da oggi.
Per alcuni comuni della provincia di Ancona era già così da una settimana, per efficacia dell’ordinanza regionale che disponeva la zona arancione in 20 comuni. Ora però, con l’incremento dei contagi dovuta anche alla presenza forte della variante che insiste su alcuni territori, è Roma a decidere il colore ed è valido per tutta la Regione. Superata la soglia dei 250 contagi ogni 100mila abitanti, a preoccupare è anche il superamento delle soglie critiche per terapie intensive e gli altri reparti covid.

A partire da oggi sono vietati gli spostamenti al di fuori del proprio Comune. se non per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. Dai Comuni fino a 5 mila abitanti, gli spostamenti sono consentiti anche entro i 30 chilometri dai confini con divieto di andare nel capoluogo di provincia.
Vietato circolare dalle 22 alle 5, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità o salute. Bar e ristoranti dovranno restare chiusi, è consentito solo l’asporto fino alle 18 per i bar e le 22 per i ristoranti, consegne a domicilio invece senza limiti di orario.
Per quanto riguarda le visite a parenti, è possibile effettuare una sola visita al giorno dalle 5 alle 22: oltre ai conviventi, è possibile ospitare al massimo due persone, oltre ai minori di 14 anni, a disabili e persone non autosufficienti.
Dal 27 febbraio e fino al 5 marzo, per effetto dell’ultima ordinanza regionale è istituita la didattica a distanza (DAD) al 100% in tutte le scuole superiori (secondarie di secondo grado) delle Marche. Nelle sole province di Ancona e Macerata la stessa modalità in DAD al 100% riguarderà anche le SECONDE e TERZE classi delle scuole MEDIE (secondarie di primo grado). A Jesi, il sindaco ha emesso ieri un’ordinanza per chiudere gli interi plessi delle medie Lorenzini e Leopardi a causa di focolai, con validità 14 giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.