Le Marche nell'emergenza, lo sfogo di Antonio Lo Cascio fa il giro del web | | Password Magazine

Le Marche nell'emergenza, lo sfogo di Antonio Lo Cascio fa il giro del web

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Oltre 2 milioni e mezzo di visualizzazioni e migliaia di condivisioni per il video di Antonio Lo Cascio, il popolare attore e comico maceratese che ieri pomeriggio ha caricato e diffuso in rete la propria indignazione sulla situazione attuale delle zone terremotate. Uno sfogo di rabbia e disperazione durato due minuti e mezzo e che è stato raccolto e condiviso anche dai network nazionali. Antonio Lo Cascio, senza peli sulla lingua, chiede: «Che fine hanno fatto i soldi» degli sms solidali inviati, sottolineando che:«i moduli abitativi non sono ancora arrivati, il bestiame sta morendo e gli allevatori sono costretti a vendere il bestiame per ricostruire i capannoni». Questa è la realtà, lo ha detto Lo Cascio, lo dicono gli sfollati e drammaticamente è sotto gli occhi di tutti: “Mentre il Governo sta stanziando venti miliardi stanziati per il decreto Salva-banca, qui ci sono metri di neve, centri abitati che non sono raggiungibili neanche dall’esercito, dai vigili del fuoco, soldi che non ci sono..volete che il centro Italia sparisca?”

Questa mattina Antonio Lo Cascio è al campo di accoglienza di Pieve Torina e ha rimarcato: “Tutti si sentono abbandonati – ha detto Lo Cascio stamattina in un nuovo video  – E’ un casino. Lo Stato, per il quale paghiamo le tesse, ci deve aiutare”.

Le frazioni ancora isolate sono al momento 56 nell’ascolano, tutte le frazioni di Montefortino e Amandola nel fermano, molte frazioni di Bolognola, Pieve Torina, Visso, Fiastra, Penna San Giovanni, Cessapalombo, Fornace, Camerino, Sarnano, Gualdo, Ussita, Fiordimonte nel maceratese.

Riattivate 9mila utenze ne rimangono ancora 21mila. L’Enel sta lavorando sul piano di rientro.  I Mezzi attualmente al lavoro, oltre a quelli previsti dai piani antineve dei singoli Comuni, IN Provincia di Ascoli 1 turbina, 44 spazzaneve, 5 ditte con ruspe gommate; Provincia di Fermo: 20 ditte specializzate su 20 comprensori con 30 spazzaneve e 6 ruspe gommate; Provincia di Macerata: 50 ditte private impegnate con 100 mezzi, 5 turbine, 20 autocarri trattori

Il Comitato operativo regionale Marche riunito in modo permanente ha organizzato la ripartizione delle squadre provenienti da fuori regione operative questa mattina: Bolzano 1, Bolzano 2, Emilia Romagna, Veneto e Lombardia, provincia di Pesaro Urbino e Confservizi con 11 ditte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.