Le Marche verso la riapertura: le linee guida per negozi, ristoranti, alberghi, spiagge | Password Magazine
Banner4Baffi

Le Marche verso la riapertura: le linee guida per negozi, ristoranti, alberghi, spiagge

Atteso per oggi l'incontro con il Ministro Boccia cui spetta l'ok definitivo

REGIONE – La riapertura nelle Marche potrebbe arrivare già dal 18 maggio. Centri estetici, parrucchieri ma anche ristoranti, bar e strutture di ricezione. Pronti anche protocolli di sicurezza per regolamentare spiagge, villaggi e campeggi, nell’ottica di avviare la stagione balneare per il 29 maggio.

Le Marche verso la riapertura:tutte le regole

Misure illustrate questa mattina alla stampa dal presidente della Regione Luca Ceriscioli in presenza di Maurizio Mangialardi, a capo dell’Anci Marche, e degli assessori Manuela Bora e Moreno Pieroni:  «Abbiamo deliberato in Giunta tutta una serie di provvedimenti che dettano le regole per una riapertura delle attività – fa sapere il Governatore -. Oggi ci sarà l’incontro con il Ministro sperando che confermerà la ripresa. L’accordo con il Governo si cerca per il 18 maggio e le linee guida individuate sono un contributo anche per il Paese». Un lavoro che dunque potrà essere propedeutico alle azioni di Governo, così come ha specificato Mangialardi dell’Anci, ente coinvolto nella stesura dei protocolli: «Abbiamo messo a disposizione le regole ancor prima del Governo, calibrandole con le esigenze del nostro territorio – ha detto -. Ci sono le condizioni per riaprire bene, il distanziamento sociale è il principio sociale che guida il tutto». Soddisfazione anche dall’assessora alle Attività produttive Manuela Bora: «Alcuni protocolli sono già stati collaudati, oggi il lavoro giunge al termine. La riapertura è condizionata dal rispetto delle norme di sicurezza e dal senso di responsabilità». Aggiunge l’assessore Pieroni: «È stato fatto un grande lavoro per coordinare la ripresa del settore economico e del commercio, le Marche sono la prima Regione italiana che approva percorsi e protocolli che dovranno essere rispettati da qui in avanti». Oltre al protocollo centri estetici e acconciatori, già oggetto di sperimentazione, ecco cosa altro c’è da sapere.

Servizi sociali e centri estivi. Con la riapertura, dal 18 maggio tornano anche ai servizi socio-educativi e rivolti alle famiglie. Dalla Regione, un atto disciplina la riapertura dei centri diurni, centri antiviolenza, servizi educativi domiciliari, centri estivi e animazione per i più giovani. Servizi molti attesi dalle famiglie e che potranno essere coniugati alla ripartenza economica secondo un calendario che sarà presto definitivo.

Stagione estiva, apertura dal 29 maggio.  In coordinamento con l’assessorato all’Ambiente, è già partita la procedura per effettuare controlli sullo stato delle acque per la balneazione in sicurezza.

Alberghi e strutture ricettive. Nelle stanze, la struttura dovrà garantire la sanificazione ogni volta che ci sarà il cambio di ospiti e l’igienizzazione continua. All’ingresso dell’albergo è obbligatorio il distanziamento e l’uso di mascherine. Nelle sale della ristorazione è necessario evitare gli assembramenti, in caso di buffet sarà il cameriere, indossando mascherina, a servire su piatti (e non vassoi) le pietanze.

Villaggi e campeggi. Un settore particolare e attenzionato da Turismo e Sanità in stretto rapporto con Anci e associazioni di categoria. Per le piscine, i lettini devono essere distanziati di due metri l’uno dall’altro (stessa cosa per chi va in spiaggia, privata o libera). Dentro l’acqua, in ogni 10 metri quadrati possono entrare al max 4 persone. Per quanto riguarda i servizi igienici di villaggi e campeggi, la sanificazione deve avvenire almeno 2 o 3 volte al giorno e l’igienizzazione continua.

Strutture balneari. Avviato un percorso di condivisione di misure con Emilia Romagna ed eventualmente Abruzzo che ha già chiesto di conoscere i protocolli marchigiani per verificare la possibilità di dare la stessa risposta. Per ogni 10,50 metri quadri potrà esserci un ombrellone, dunque un distanziamento importante e certezze per la sicurezza. Per coloro che prendono lettini e non l’ombrellone resteranno i 2 metri di distanziamento, a meno che non siano familiari o quant’altro. Ad ogni ombrellone corrisponderà un solo nucleo familiare. Il consiglio per ogni struttura è di evitare le docce calde al chiuso e sceglierle preferibilmente all’aperto.

Spiagge libere. La linea della Regione resta quella di mantenere le spiagge libere, ogni sindaco potrà poi farà le sue valutazioni secondo le esigenze del proprio comune. Lettini e asciugamani dovranno essere a 2 metri di distanza, 4 tra ombrellone e ombrellone. A ciascun sindaco spetterà poi decidere le modalità con cui controllare o regolare l’accesso, valutando se concedere gli spazi a soggetti limitrofi. Nel complesso le decine di migliaia di spiagge libere per la regione resteranno aperte a marchigiani e turisti. Ci sarà divieto di praticare gli sport balneari e gli spazi potranno essere impiegati per collocare nuovi ombrelloni o aree attività individuali. Il controllo sarà competenza dei Comuni.

Bar e ristoranti. La prenotazione sarà obbligatoria. Non sarà necessario il distanziamento tra appartenenti allo stesso nucleo familiare mentre tra comitive sarà obbligatorio il distanziamento di un metro circa o la possibilità di introdurre dispositivi come plexiglas.

Abbigliamento. Gli spogliatoi dovranno essere sanificati, obbligatorio uso di mascherine all’interno del locale. L’inizio dei saldi slitterà con tutta probabilità al 1 di agosto.

A cura di Chiara Cascio

1 Commento su Le Marche verso la riapertura: le linee guida per negozi, ristoranti, alberghi, spiagge

  1. Se il residente di un campeggio, proveniente da un’altra regione, si dovesse ammalare durante la sua vacanza cosa accadrebbe?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.