Jesi in Progress, presentato il Piano di Sviluppo della città

 

 

JESI – Presentato ieri sera al Teatro Pergolesi il Piano di Sviluppo di Jesi denominato “Jesi in progress”, affidato dall’amministrazione comunale a Nomisma, istituto di ricerca e consulenza economica di Bologna. L’occasione, all’interno di Buonasera Marche Show, è stata condotta da Maurizio Socci e andrà in onda su èTv Marche venerdì 24 febbraio alle 21.30 (canale 12 del digitale). La serata è iniziata con la proiezione del video, sempre apprezzatissimo, “Jesi a muso duro” con la collaborazione di oltre trenta musicisti jesini che hanno reso omaggio alla città sulle note del cantautore Pierangelo Bertoli. Sul palco il sindaco Massimo Bacci: “Lo studio commissionato a Nomisma è un progetto da condividere con la città. Non importa chi sarà il prossimo sindaco di Jesi, vogliamo lasciare obiettivi raggiungibili per questa città”.

 

“Con poco possiamo migliorare Jesi – sono state le parole di Roberto Mancini in un breve video – lo dobbiamo fare per noi che ci viviamo e per chi viene nella nostra città e ne rimane innamorato”. Sono stati Marco Marcatili e Federico Fontolan per Nomisma a spiegare il Piano di Sviluppo “Jesi in progress”: migliaia le persone coinvolte con interviste per mettere in luce lo stato attuale della città, gli aspetti sui cui lavorare e svelare le sfide future della città.

Presenti in sala la giunta e i consiglieri comunali, i ragazzi dell’orchestra jesina Federico II, allenatori e giovani giocatori della Taurus Basket Jesi. Ospiti della serata sono stati Roberta Fileni, direttore marketing Fileni, Corrado Mariotti, presidente Banca Popolare di Ancona, il rettore dell’Università Politecnica delle Marche Sauro Longhi, Giuseppe Jacobelli per JCube, Luigino Quarchioni direttore del Consorzio Frasassi, Sergio Mosconi presidente Asp, che ha evidenziato il grande lavoro del centro di prima accoglienza “Casa delle Genti” e la prossima apertura del centro diurno per i malati di Alzheimer e don Giuliano Fiorentini presidente Oikos. Il parroco di San Giuseppe ha parlato di “integrazione a macchia di leopardo” a Jesi, della difficoltà di accogliere gli stranieri e in generale i più deboli. Aspetti che sono stati affrontati anche da Nomisma: punti di forza della Jesi di oggi sono lo sport, l’enogastronomia e la scuola, in fondo alla classifica l’edilizia, le start-up e le imprese innovative.

Le priorità in un’ottica futura di sviluppo, sempre secondo lo studio, sono la tutela dell’ambiente e del paesaggio, la scuola e la sanità, dall’altra parte della graduatoria l’integrazione degli stranieri, l’edilizia e il sistema bancario. Si è parlato anche di giovani dai 18 ai 34 anni: per la maggior parte dei casi immaginano di restare a vivere in città, ma percentuali significative si vedono in un’altra regione o all’estero. Quella di ieri sera è stata solo la prima occasione di confrontarsi con questo studio, che vuole essere uno spazio comune dove ciascuno può offrire il suo contributo. Si parlerà ancora di “Jesi in Progress” il prossimo 28 marzo nell’ambito del Brand Festival 2017.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.