Lega Jesi: «E ciclabile sia! Ma impariamo dagli errori fatti» | Password Magazine

Lega Jesi: «E ciclabile sia! Ma impariamo dagli errori fatti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – «I lavori per il nuovo tratto della pista ciclabile, regolarmente aggiudicati con una gara d’appalto, andranno avanti per non perdere il cofinanziamento europeo, ma è mancato il confronto con la cittadinanza sulle problematiche, che questo nuovo tratto potrà scaturire». A parlare è il Coordinamento Lega Jesi – Salvini premier: «Il primo tracciato realizzato in zona Prato, ha infatti creato alcuni problemi, quali la perdita dei parcheggi, il restringimento della sede stradale, la pericolosità dei marciapiedi, tanto da indurre gli stessi ciclisti ad evitare la stessa ciclabile.
Errori di chiusura alle richieste di ascolto, hanno anche recentemente scatenato le proteste dei cittadini del quartiere Ciarnin di Senigallia ed hanno costretto l’amministrazione Mangialardi, anche se tardivamente, a ripensare il progetto. Notiamo da subito, che il progetto attua una scelta poco “green”, come quella della cancellazione dell’area verde di Via Paladini per fare spazio ad un parcheggio, pratica in netto contrasto con lo stesso spirito di una ciclovia.
E cosa accadrà a settembre con la riapertura delle scuole? Il nuovo parcheggio dotati di soli 40 posti sarà insufficiente e creerà l’invasione della pista ciclabile da parte delle auto dei genitori degli allievi di ben 4 istituti. La conseguenza di tutto questo sarà lo scontro tra chi percorrerà la ciclovia ed i genitori, con le immancabili sanzioni amministrative che dovrà emettere la Polizia locale.
Proponiamo quindi la modifica del progetto, prevedendo la ciclabile solo su un lato della strada, così da non dimezzare la sede stradale. Anche altri hanno poi fatto così
Una maggiore condivisione, diminuirebbe il malcontento nella popolazione, sia in tema di fruibilità che accettazione della sostenibilità economica dell’opera.
Per la Lega, le opere prioritarie ed urgenti per la città sono altre, tanto più con le incertezze che questo ciclo economico post Covid porta con sé. Tra queste ricordiamo la scuola Martiri della Libertà, una illuminazione pubblica efficace e sostenibile economicamente, la piscina comunale ed il nuovo ponte  San Carlo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.