Lega Jesi: «Ma dove vivono al palazzo comunale?» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Lega Jesi: «Ma dove vivono al palazzo comunale?»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa di Gianni Ponzetti, coordinatore Lega Jesi:

«Il ponte più importante della città sta crollando ed il problema non sembra di facile soluzione, rischiando di isolare un intero e popoloso quartiere. Già diversi rioni cittadini sono, per i disabili e per chi utilizza carrozzine o passeggini, scollegati dal centro cittadino: anche lo stesso parcheggio della stazione ferroviaria è inutilizzabile per chi necessita di muoversi con mezzi alternativi (carrozzine, velocipedi o simili). Infatti, l’unico sottopasso accessibile per tali mezzi, è quello di via Marconi (distante 400 m), ma totalmente inadeguato, in quanto strettissimo. Tanto che, se si dovessero incontrare due carrozzine a metà, rimarrebbero certamente lì incastrate.

Il centro medioevale, di cui ci pavoneggiamo con i turisti, è mal conservato e degradato: diversi palazzi sono visibilmente in decadimento nelle facciate esterne per incuria e per maldestre  manutenzioni. La maggior parte dei marciapiedi della città sono disastrati e quindi impossibile da praticare per i disabili.
Gli unici forse degni di questo nome, sono quelli di via XXIV maggio che, pero’ , sono stati utilizzati per la realizzazione della pista ciclabile e, pertanto, ancor piu’ pericolosi degli altri, sia per i pedoni che per i ciclisti.

Il livello della sicurezza ultimamente si e’ ulteriormente abbassato. Nei parchi, a ridosso del centro, si delinque sia di notte che di giorno . Gli stessi parchi, frequentati anche da bambini,  sono oggetto di atti vandalici nelle infrastrutture ivi presenti.

Insomma, l’Amministrazione, invece di risolvere i veri e concreti problemi degli abitanti, sembra che si preoccupi (da oramai due anni) solamente di spostare i monumenti. Cosa che probabilmente sarà anche utile per una maggiore fruizione delle piazze, ma non sicuramente al primo posto tra le piu’ impellenti necessita’ dei cittadini.
Tutto ciò, mentre l’opposizione si preoccupa invece di fare interpellanze poichè quest’anno i rifiuti reciclatii son meno dell’anno scorso. Ma dove vivono tutti costoro?».

  

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.