Lega Nord, incontro sicurezza: illustrato il progetto Secura Polis | | Password Magazine

Lega Nord, incontro sicurezza: illustrato il progetto Secura Polis

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si chiama Secura – Polis ed è il progetto legato alla sicurezza inserito all’interno del programma Lega Nord Jesi in collaborazione con Link 77 e presentato ai cittadini questo pomeriggio in occasione del convegno sul tema.

“Il progetto potrebbe rappresentare una vera svolta per la città – dichiara la candidata sindaco Lega Nord Jesi Silvia Gregori – Non dimentichiamo che la sicurezza è un diritto garantito dalla nostra Costituzione. Le leggi ci sono ma alcune possono essere ulteriormente introdotte per modificare, tipo, l’eccesso di legittima difesa o per inasprire la pena”.

Dello stesso parere il sen. Filippo Saltamartini, sindaco di Cingoli, che è intervenuto al fianco della Gregori:  “Mi fa molto piacere portare il mio contributo in questa sede, dato che ho sempre sostenuto e partecipato a progetti di sicurezza della Lega Nord, come nel programma “Mille Occhi sulla Città” – ha detto il senatore – Purtroppo questo è un Paese che funziona al contrario: impunità e sostegno economico per chi delinique e rischio per chi si difende di essere condannato per eccesso colposo”.

Il senatore afferma: “Sulla sicurezza urbana, i Comuni possono fare molte cose a seguito della riforma costituzionale 2001 che li riconosce come enti di pari dignità rispetto agli altri organi istituzionali. Pertanto hanno il diritto di regolamentare su materie di primaria importanza come la questione della Polizia urbana. Un Comune può introdurre obblighi e divieti, l’ordinamento lascia libero spazio. Purtroppo però, molti sindaci non ne sono ancora consapevoli oppure semplicemente non vogliono cimentarsi in questi interventi a difesa del diritto della proprietà privata”.

Il progetto Secura – Polis, illustrato da Leonardo Belardinelli di Link 77 consiste in un sistema di vigilanza elettronica urbana che affianca le Forze dell’Ordine alla vigilanza privata.  Si sfrutterà la copertura wirelless comunale e una app per comunicare,  oltre che le immagini delle videocamere già installate che finiranno ad una centrale operativa: rilevato il pericolo, gli operatori della centrale attraverso un sistema gestionale daranno l’ allerta sulla base di vari gradi di allarme e si attiveranno per inviare sul posto l’agente più vicino alla zona del pericolo segnalato. In caso di codice rosso, saranno direttamente le forze dell’ordine ad intervenire.

Vantaggi: utilizzo risorse già esistenti, vigilanza in sinergia con forze dell’ordine ordine, interscambio di informazioni in tempo reale tra gli operatori, risparmio economico rispetto ai sistemi tradizionali, possibilità di fruizione del servizio anche da parte di cittadini privati ed aziende, modulo adatto per ogni città.

Costi massimi 200 mila euro per iniziare, anche se il sistema prevede non solo uscite ma anche entrate attraverso i costi di adesione per chi richiede servizio in ambito privato.

Sono intervenuti all’incontro anche l’avv. Luca Rodolfo Paolini, segretario nazionale Lega Nord Marche, Marco Bevilacqua, segreteria provinciale Ancona Lega Nord, il consigliere regionale Sandro Zaffiri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.