Lega Nord Jesi sostiene il NO al Referendum e annuncia alla città: "In cantiere, progetti su sicurezza". | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Lega Nord Jesi sostiene il NO al Referendum e annuncia alla città: "In cantiere, progetti su sicurezza".

JESI – In riferimento agli ultimi fatti di cronaca appresi dalla stampa, la sezione Lega Nord Jesi vuole far sapere ai cittadini che, da tempo, si è attivata per affrontare questioni legate al controllo delle forze dell’ordine sul territorio, chiedendo a gran voce, attraverso una collaborazione con il sindaco Bacci, un incontro con il Prefetto. “In cantiere abbiamo un progetto che se dovesse passare, come ci auguriamo, garantirebbe maggiore sicurezza ai cittadini – fa sapere la coordinatrice Silvia Gregori– Spesso, io stessa vado a dialogare con gli esercenti delle zone periferiche per raccogliere i loro problemi e le loro segnalazioni. Ci piace mantenere un canale di ascolto con il cittadino che oggigiorno si deve confrontare con problemi che, fino a qualche tempo, fa riguardavano solo le grandi città. Gli esercenti di Viale Trieste lamentano, ad esempio, la mancata presenza di forze dell’ordine in borghese, utili ad evitare intrusioni prima della chiusura delle attività serali da parte di clandestini che vorrebbero acquistare senza denaro spesso ubriachi e collerici rappresentando un pericolo per i negozianti e  per chiunque si imbatta sulla loro strada”.

“La sicurezza – puntualizza Gregori –  è e rimane uno dei temi principali del programma della Lega Nord Jesi che vorrebbe fare in modo che cambino nel nostro comune le regole per le assegnazioni degli alloggi popolari – quelle attuali sappiamo benissimo avvantaggiano gli stranieri – e per l’introduzione di esami di lingua italiana per ottenere certificati e cittadinanza! Inoltre, è nostro obiettivo fare in modo di evitare nuove concentrazioni di stranieri nella periferia dove costituiscono un problema per i residenti che spesso fanno fatica a convivere con chi non accetta di vivere in una città con il rispetto di regole, usi e costumi”.

Attualmente il coordinamento, che ha una buona presenza femminile con  sette giovani donne determinate a far crescere la Lega Nord, è impegnato  per fare in modo che in questa città le cose cambino e si ritorni ad una dimensione “più  umana e vivibile”.

 “In merito alla questione immigrazione l’attuale Governo è riuscito solo a portare in Italia 3 milioni di clandestini in 4 anni che hanno stravolto il volto delle nostre città e hanno impoverito il nostro tessuto sociale a scapito degli italiani che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese e dei giovani disoccupati che non hanno sostegni al reddito per poter vivere dignitosamente – aggiunge la coordinatrice leghista – Noi siamo in accordo con un immigrazione controllata, dove si accolgano veri profughi e non di massa e per la permanenza nelle nostre città solo di chi si è integrato e lavora, per gli altri che vivono e sopravvivono  di assistenzialismo con i nostri soldi pubblici, andando spesso anche a delinquere non c’è posto! Infatti siamo arrivati al paradosso dove una società guarda per prima non hai bisogni dei propri cittadini ma a garantire a gli immigrati un livello di vita superiore agli italiani, con taglio dei costi di vitto, alloggio, trasporto, mense scolastiche e così via”.

Tra i prossimi obiettivi “iniziative rivolte a coinvolgere e far emergere le storie di degrado sociale che spesso esponenti di altri partiti negano possano esistere nella nostra città, dipingendone un’immagine perfetta che però – sostiene la Gregori –  non corrisponde a verità. Per le amministrative con il nuovo anno presenteremo la nostra lista, il nostro programma e faremo una campagna incentrata sulla Legalità la Sicurezza e l’aiuto ai nostri concittadini spesso vittima di dimenticanza da chi ha promesso di aiutarli ma poi se ne è dimenticato”.
E intanto, con l’avvicinarsi del referendum del 4 dicembre,la Lega Nord rafforza il NO alla Riforma Costituzionale: “No perché la riforma costituzionale è una manovra rischiosa e tendenziosa, basata su una propaganda di falsi risparmi, che accentra il potere nelle mani del partito di maggioranza, intaccando spazi di libertà e democrazia. Inoltre, la modifica delle Costituzione avverrebbe sotto dettatura di un Governo e non dell’assemblea sovrana del Parlamento: nei Paesi che hanno perso la democrazia, tutto è iniziato proprio da questo punto, dalla modifica della propria Costituzione”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.