Lega Nord, raccolta firme contro lo Ius soli | Password Magazine
Festival Pergolesi

Lega Nord, contro lo Ius soli banchetto per la raccolta firme

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Silvia Gregori, Lega Nord

JESI – I banchetti della Lega Nord contro lo ius soli  saranno in Corso Matteotti sabato 21 e domenica ottobre, davanti la Chiesa delle Grazie, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, e nel pomeriggio dalle ore 17.00 alle ore 19.30 per raccogliere le firme e incontrare personalmente i cittadini che vorranno prendere i volantini e parlarne insieme.

La Lega Nord sostiene che lo ius soli, questa legge approvata in Parlamento nel 2015 e rimasta bloccata in Senato per mancanza della maggioranza, «potrebbe creare un danno irreparabile al Paese e condannare l’Italia a diventare una grande colonia d’Europa, una sala parto per l’Africa e l’Asia, con conseguenze economiche  e demografiche devastanti, come è facile intuire».

«Attualmente – continua la consigliera comunale Lega Nord Silvia Gregori – in Italia esiste lo “ius sanguinis” che riconosce la cittadinanza per diritto di discendenza da genitori uno o entrambi (o avi di accertata nazionalità italiana). Questa viene contrapposta allo ius soli (diritto legato al territorio) e additata come una legge ormai superata e ingiusta, acclamando l’altra come umanitaria. Nulla di più falso: infatti i bambini che sono cresciuti in Italia ma nati all’estero non avrebbero comunque diritto come tali».

Secondo la Gregori, «dobbiamo far riferimento al livello di Integrazione del richiedente perchè la cittadinanza è un percorso interiore, non solo esterno, un obiettivo, un’ accettazione totale di obblighi, doveri e poi diritti dello Stato a cui si richiede! Non possiamo certo applicarla come fece l’imperatore Caracalla, da cui si trae il nome, che diede a uomini e donne non schiavi, ovvio, la cittadinanza solo perché nati nello sconfinato Impero Romano!».

«In questo momento è un misero strumento di raccolta voti del PD – conclude Gregori – lo IUS voti, ormai una realtà uscente e sempre più distante dalle tematiche importanti di questo Paese».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.