Legge Pillon, la consigliera Santarelli (JiC) presenta un ordine del giorno per il ritiro

JESI – La consigliera comunale di Jesi in Comune Agnese Santarelli chiede al Comune di prendere una posizione su un tema molto dibattuto, il disegno di legge Pillon.
Con un ordine del giorno che sarà discusso al Consiglio comunale di domani, la Santarelli chiede all’Amministrazione di impegnarsi affinché il decreto e i ddl collegati vengano ritirati.

«Un tema che riguarda tutti e tutte, perché queste proposte di legge sono pericolose e regressive dal punto di vista dei diritti delle donne e dei minori, frutto di un’idea maschilista della società e punitiva nei confronti delle donne – spiega la consigliera – arrivano anche a contraddire la Convenzione di Istanbul contro la violenza domestica. È quindi necessario che tutti si mobilitino, a partire dalle istituzioni, per chiedere l’immediato ritiro dei ddl e delle idee di fondo con essi veicolate, che andrebbero a scapito soprattutto delle donne vittime di violenza».

Tra gli aspetti più controversi della proposta vi è «la netta prevalenza del punto di vista
patrimoniale ed economico degli adulti rispetto all’interesse primario dei figli e figlie minori
trasformati da soggetti in oggetti; l’obbligo di ricorrere a mediazione professionale a carico delle
parti; l’abolizione dell’assegno di mantenimento e del principio dell’assegnazione della casa
familiare; la previsione di tempi paritari tra i genitori che non tiene conto delle differenze di genere
esistenti; nonché l’istituzionalizzazione della c.d. alienazione parentale».

L’ordine del giorno presentato dalla consigliera vuole impegnare sindaco e Giunta al fine di «contrastare, nelle sedi più opportune e con gli strumenti più adeguati, il merito delle proposte in
materia di affido condiviso, mantenimento diretto e bigenitorialità perfetta ed alienazione parentale
contenute nel DDL 735 Pillon e suoi collegati e a chiederne conseguentemente l’immediato ritiro» e «inviare tale deliberazione ai Capigruppo di tutti i gruppi parlamentari, alla Presidenza della
Camera dei deputati, alla Presidenza del Senato della Repubblica ed alla Presidenza della
Commissione Giustizia del Senato».

3 Commenti su Legge Pillon, la consigliera Santarelli (JiC) presenta un ordine del giorno per il ritiro

  1. I miei complimenti a questa iniziativa che speriamo sarà imitata da quanti più Comuni possibile. Ogni tanto la politica mostra un po’ di buon senso e vicinanza ai cittadini maggiormente in difficoltà. Brava Santarelli!

  2. Certo tacciamo ogni proposta per sistemare le piaghe sociali del nostro paese e le falle del nostro sistema giudiziario, non sarà perfetto il ddl pillon ma è un buon punto di partenza… Cosa propongono le altre forze politiche??? Niente di niente e lasciare il ns paese arretrato e schiavo della magistratura che calpesta i diritti dei figli.

  3. A mio avviso retrogada verso le donne sembra proprio la legge attuale, in quanto l’aboliazione dell’assegno di mantenimento esalta proprio la loro pretesa e meritata indipendenza, credo che l’indipendenaza non vada sventolata esclusivamente a proprio piacimento (o meglio a propria convenienza), ma bisogna avere il coraggio e l’onore di mantenerla. In merito ai tempi di permanenza con i rispettivi genitori da parte dei figli, sinceramente non riesco ad immaginare il motivo per il quale dovrebbero esserci diseguaglianze, fra l’altro la legiferazione della permanenza paritetica dei figli con i rispettivi genitori comporterebbe giustamente anche l’impossibilita’ di espropriazione della casa coniugale da parte del coniuge non proprietario al coniuge proprietario. Sul tema del mediatore famigliare credo debba essere una figura a titolo gratuito è necessaria esclusivamente dove non c’è accordo fra le parti. Detto ciò ritengo sempre a mio modesto avviso, che sia estremamente fondamentale tener conto dell’individualita’ di ogni caso su fatti e comportamenti accertati non conformi al loro ruolo di padre quanto di madre.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*