L’Ente Palio dona 400 campanelle in ceramica alle scuole per la “Scampanada di San Fiorà”

JESI – La tradizionale Scampanada de San Fiorà aprirà l’edizione 2018 del Palio di San Floriano nel giorno del santo co-patrono di Jesi, venerdì 4 maggio, San Floriano. Centinaia saranno i bambini, con la storica campanella in mano, uno dietro l’altro a formare un lungo corteo capitanato dal vessillo dell’associazione Ente Palio e dai gruppi junior di Tamburi e Sbandieratori nati nel 2013. Dal 2014 poi il tutto viene arricchito dalla presenza di due figuranti che impersonano San Floriano e il diavolo.

Sono oltre 400 le campanelle in ceramica che l’Ente Palio ha donato gratuitamente alle classi prime di ciascuna scuola elementare della città di Jesi. Ogni bambino dovrà poi decorarla e portarla con sé il giorno del 4 maggio.

Dopo la benedizione al Duomo intorno alle 16:30, “la Scampanada” da Piazza Federico II raggiungerà piazza della Repubblica, non prima di aver invaso le vie del centro storico, fino alla destinazione finale, diversa dal solito ed ora localizzata presso la Chiesa Merighi.

Ad attendere il corteo, all’interno della Chiesa, gli alunni del Professor Merli della scuola secondaria B. Croce che si esibiranno in un concerto strumentale. Fuori, il banchetto dell’Unicef con l’iniziativa “Adotta una Pigotta Medievale”.

Un evento tradizionale che negli ultimi anni ha fatto registrare una partecipazione in crescita, resa possibile grazie alla sinergia tra Ente Palio, associazioni, Diocesi e scuola. Vista la natura dell’evento c’è orgoglio e soddisfazione da parte degli organizzatori. Vedere il coinvolgimento crescente nei più piccoli è un segno che questa tradizione risulta pronta per essere trasmessa al futuro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*