Leoncelli, il primo ruggito: presentata la Jesina che fa sognare

JESI – Una serata leoncella in pompa magna – quella di ieri, venerdì – per la Jesina edizione 2017-18, con la presentazione dell’organico avvenuta nei giardini dell’antistadio al cospetto di una numerosa rappresentanza di tifosi e appassionati, compresi anche i “vecchi” leoncelli capitanati da Pieralberto Giaccaglia, dirigenti, tecnici, sponsor, i ragazzi della Juniores, gli allenatori del settore giovanile, famiglie intere.

Prima la cena – parte dell’incasso devoluto alle popolazioni colpite dal sisma – allestita intorno alla vasca che accoglie quanti si recano allo stadio “Carotti” e, poi, il via ufficiale al percorso di avvicinamento al prossimo campionato di serie D dove, si spera, ma c’è più di una speranza, che i leoncelli riescano a rinverdire fasti passati.

Entusiasmo tanto, convinzione pure. Di far bene, di riappropriarsi di un ruolo da protagonista che la Jesina può vantare in tutti gli anni della sua novantennale storia calcistica.

Presentati da Cristina Carnevali, coadiuvata da Graziano Fabrizi, al secolo il mitico “Figaro”, i leoncelli e mister  Franco Gianangeli si sono presentati sulla scalinata di accesso alla parte bassa dei giardini concedendosi a brevi interviste e alla foto di rito.

Ma eccola la rosa della Jesina 2017-2018:

Portieri: Simone Tavoni, Nicola Bolletta, Giovanni  Anconetani

Difensori:   Yuri Calcina, Federico Gremizzi, Matteo Giorni, Federico Santoni, Nicola Anconetani, Lorenzo Silvestri

Centrocampisti: Lorenzo Carotti,  Luca Magnanelli, Guido Parasecoli, Diego Zannini, Tarik El Harrati, Riccardo Paialunga, Marco Sassaroli

Attaccanti: Kevin Olivier Trudo, Riccardo Pierandrei, Leonardo Hugo De Marchi, Filippo D’Alessio, Alessandro Cameruccio,  Giammarco Giuliani, Sulayman Suwaresh

Ci crediamo – ha sostenuto l’allenatore Gianangeli -, crediamo che è nelle nostre corde il poter esprimere qualcosa di grande. Squadra in parte rinnovata, giovane, ma con giocatori molto motivati. Vogliamo fare bene e ci metteremo tutto il nostro impegno”.

Sul palco improvvisato ad “aprire le danze” il presidente, Marco Polita, che ha ringraziato tutti per l’impegno profuso auspicando anche il ricomporsi della tifoseria organizzata “che è di grande supporto alla squadra”, il sindaco Massimo Bacci e l’assessore allo sport, Ugo Coltorti che, da ex leoncello, ha profuso a piene mani parole d’amore e di appartenenza nei confronti della Jesina.

Parole che hanno particolarmente colpito uno degli ultimi acquisti dirigenziali, Maria Francesca Tardella, la quale non ha lesinato, anche lei, messaggi di grande suggestione.

“A Jesi – ha detto  – ho trovato un calore difficilmente riscontrabile in altre piazze, basta aver ascoltato quello che ha detto l’assessore allo sport, mai sentita una cosa del genere. E questo anche quando ci venivo da avversaria sportiva. Jesi è diventata la mia casa e spero che lo diventi anche per tutti voi. Qui c’è una passione sconfinata per il calcio e per me, questo, è un anno zero. Venite allo stadio, seguite questa squadra, criticate pure, noi vi ascolteremo. Questa è una grande squadra e tutti i giocatori che compongono la rosa sanno bene di appartenere a una altrettanto grande società”.

Maurizio Coltorti, neo presidente del settore giovanile, ha posto l‘accento sull’importanza di organizzare una “scuola” destinata ai giovani per arrivare alla creazione della ”J Academy”, un brand per essere un grande motore di sostegno in favore delle giovani leve calcistiche.

Non sono mancati cori e fumogeni a scandire la magnifica serata, accompagnata anche dall’inno ufficiale e dalla firma di tutti i componenti della rosa e dell’allenatore sulla maglia con il numero dei 90 anni della società, festeggiati nel marzo scorso.

Da oggi primo allenamento per i leoncelli, in mattinata, e si andrà avanti così, tranne martedì prossimo quando la seduta è prevista per il pomeriggio.

Primo test importante, la partita di venerdì prossimo, al “Carotti”, contro il Monopoli, serie C.

Pino Nardella

GUARDA IL VIDEO SULLA PAGINA DI PASSWORD MAGAZINE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.