«L'epidemia è ancora in espansione, stato d'emergenza fino al 30 aprile» | Password Magazine

«L’epidemia è ancora in espansione, stato d’emergenza fino al 30 aprile».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ROMA – Proroga dello stato d’emergenza al 30 aprile, divieto di spostamenti tra regioni e nuove restrizioni a partire dal 16 gennaio. Sono le misure che intende adottare il Governo per far fronte «all’aumento del numero dei nuovi casi e dei tassi di incidenza, con progressivo sovraccarico delle strutture ospedaliere». Lo ha annunciato stamattina il ministro Roberto Speranza alla Camera: «L’epidemia è ancora in espansione – ha detto -. Da 10 sono passate a 13 le regioni e province autonome con tasso di occupazione delle terapie intensive e dei reparti ospedalieri sopra la soglia critica. Dai parametri riportati ne con consegue un drammatico mutamento dell’indice di rischio attribuito alle regioni».

Secondo quanto riporta il ministro, sono 12 le Regioni e le province autonome ad alto rischio, 8 sono a rischio moderato con 2 che rischiano di passare a rischio elevato e una sola regione a basso rischio: «Questo ci impone l’obbligo di adottare nuove misure, prorogando al 30 aprile lo stato di emergenza che scadeva il 31 gennaio».

Inoltre, a seguito del confronto con le Regioni avvenuto lunedì scorso, è confermato l’arrivo di un nuovo Dpcm che sostituirà il provvedimento in scadenza il 15 gennaio: «Restano le misure vigenti e il modello per fasce differenziate – ha spiegato Speranza -. L’intenzione del Governo è proseguire con il divieto di spostamento tra regioni, la riduzione degli assembramento attraverso la limitazione del servizio di asporto dei bar non oltre le 18. E ancora sarà consentito far visita ad amici e parenti nelle abitazioni in massimo di due persone e ingresso in area arancione delle regioni ad alto rischio». Infine ci sarà la delineazione della quarta area, la fascia bianca, che scatterà solo con livelli epidemiologici molto bassi, con Rt sotto l’1 e un incidenza di meno di 50 casi settimanali ogni 100 mila abitanti. «Difficile che questa area possa scattare nel breve – avverte il Ministro – ma iniziamo a indicare un percorso di speranza per i prossimi mesi avvenire. Con lo stesso spirito, è intenzione del governo in area gialla riaprire musei come luogo simbolico della cultura del nostro Paese».

VACCINI. «Con la campagna di vaccinazione, il covid ha le ore contate, ma non abbiamo ancora vinto. Attualmente siamo la Nazione dell’Unione Europa ad aver somministrato il maggior numero di vaccini. Siamo i primi in Europa – ha detto il Ministro -. Siamo solo all’inizio di questa campagna di vaccinazione, una lunga e difficile maratona e non una gara di velocità. C’è ancora molto da fare. Dobbiamo andare avanti così con zero polemiche e gioco di squadra, precondizione indispensabile per raggiungere i risultati attesi, in piena collaborazione istituzionale e lavoro comune assicurato da coordinamento nazionale. Lasciamo fuori dalle polemiche politiche la campagna di vaccinazione: unità, unità, unità sulla campagna di vaccinazione nazionale».

Speranza ha sottolineato il problema della scarsità dei vaccini: «Il vaccino è un bene pubblico globale per questo è gratuito. Ad oggi abbiamo siglato opzioni per circa 226 milioni di dosi che nelle prossime settimane aumenteranno ulteriormente sino a giungere a 250 milioni esercitando sempre il diritto di opzione previsto dagli accordi europei che ci consente di bloccare per ogni contratto siglato dall’Unione il 13,46% di vaccini. Abbiamo opzionato – ha spiegato – così quasi il doppio delle fiale necessarie per vaccinare tutti gli italiani. Tutto quello che si poteva e si doveva fare per approvvigionarsi del vaccino è stato fatto con attenzione e per tempo. Ora non possiamo che utilizzare presto e bene le dosi di cui disponiamo, aspettando fiduciosi l’arrivo di nuove fiale».

Ad oggi sono sono stati approvati dall’Ema e dall’Aifa solo i vaccini di Pfizer e Moderna, l’Italia riceve per il primo trimestre dell’anno dal primo 470 mila dosi a settimana e dal secondo 1 milioni e 300 mila dosi in tutto il primo trimestre: «Con il vaccino di AstraZeneca avremmo altre dosi fondamentali e sempre nel primo trimestre 2021 – prosegue Speranza – è attesa l’autorizzazione anche del vaccino di Johnson & Johnson. I risultati del vaccino italiano ReiThera sono molto incoraggianti. Stiamo lavorando parallelamente ad organizzare le forze e l’Italia è pronta a mettere in campo una squadra forte: si aggiungeranno 40 mila medici ed entreranno anche le farmacie in campo».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.