L'Esino straripa. I cittadini chiedono risarcimento al Comune | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

L'Esino straripa. I cittadini chiedono risarcimento al Comune

JESI – Il fiume Esino, in prossimità dell’Oasi di Ripa Bianca, ha abbandonato il suo letto originario ed ora scorre in un tratto in maniera significativa dal precedente tracciato. Ne consegue che i proprietari dei terreni confinanti avanzino continue richieste di risarcimento danni per i frequenti allagamenti che si verificano in caso di avversità atmosferiche anche con media piovosità.

Questi i motivi alla base di un incontro convocato con urgenza dal sindaco Massimo Bacci ed al quale sono stati chiamati a partecipare la Regione Marche, in particolare il Dipartimento di protezione civile, la Provincia di Ancona in qualità di Autorità idraulica, l’ente gestore della Riserva di Ripa Bianca e l’Enel, coinvolta per la presenza di una propria briglia in quel tratto di fiume.

L’appuntamento è fissato per venerdì 21, alle ore 10: l’Amministrazione comunale, dopo aver illustrato le criticità presenti, metterà a disposizione la ricognizione del quadro economico, approvata ieri dalla Giunta, sul finanziamento di 1,2 milioni di euro assegnati diversi anni fa al Comune di Jesi per interventi di sistemazione del fiume Esino.

Quelle risorse erano state suddivise per quattro interventi lungo il tratto che attraversa il territorio comunale, di cui tre già realizzati e un quarto, previsto proprio in zona protetta Ripa Bianca, mai avviato dal momento che non si è arrivati
alla conclusione della valutazione di impatto ambientale. Per quest’ultimo intervento, in base alla ricognizione effettuata dai Servizi Tecnici, sono a disposizione circa 560 mila euro. Obiettivo dell’Amministrazione comunale è condividere con tutti i soggetti coinvolti un’azione efficace per risolvere le gravi problematiche registrate e programmare pertanto un intervento risolutivo con i fondi disponibili.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.