Lettera aperta di CNA ai candidati alle Amministrative Comuni Vallesina | Password Magazine
Festival Pergolesi

Lettera aperta di CNA ai candidati alle Amministrative Comuni Vallesina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – “Nell’accingersi ad assumere la responsabilità di amministrare le proprie comunità, si riservi la debita attenzione a situazione, esigenze, necessità del mondo produttivo, delle imprese, del lavoro. Soprattutto, si pongano al primo posto cura ed ascolto dei bisogni di tutto un territorio, a partire da fasce deboli e famiglie. La buona salute di un territorio e di chi ci vive è alla base della qualità del lavoro. Noi ci siamo e siamo pronti a metterci in gioco facendo la nostra parte”.

Così Nazzareno Baioni, presidente della Cna Vallesina, ed Elisabetta Grilli, segretaria, nel rivolgersi a candidate e candidati a sindaci dei Comuni coinvolti nel voto. Cna Vallesina e le sue oltre mille piccole e medie imprese indirizzano a future e futuri amministratori un loro pacchetto di sollecitazioni, suggerimenti, priorità. “Nel riconoscere ai futuri sindaci, assessori, consiglieri tutta la delicatezza e l’importanza del loro compito- dice il presidente Baioni- ci sembra importante tornare a far presente l’esigenza da parte di aziende e famiglie di servizi ed infrastrutture efficienti, di linee guida per lo sviluppo, di una prospettiva di aggregazione fra enti. Al tempo stesso, ci mettiamo a disposizione per far parte dei percorsi, concertare soluzioni, sostenere progetti”.  Sottolinea la segretaria Grilli: “Il metodo concertativo fra amministrazioni ed associazioni di categoria continui ad essere una strada maestra. Abbiamo partecipato e proseguiremo  a farlo a gruppi di lavoro su più tavoli, in un confronto stabile e costante utile, fra le altre cose, a sviluppare nuove strategie per l’innovazione”. Ecco i punti su cui Cna Vallesina pone l’accento.

 

Nel porre mano a tariffe dei servizi  e tassazione comunale, non si dimentichino esigenze e difficoltà delle imprese, in una fase in cui è fondamentale non appesantire le difficoltà e non frenare possibili occasioni di rilancio

Sul fronte dei servizi, si lavori per il miglioramento di quanto offerto, stimolando l’aggregazione nella loro gestione. E’ la strada per riuscire ad unire maggiore efficacia, razionalizzazione della spesa, diminuzione dei costi per gli utenti. Si miri a far massa critica. Particolare attenzione la si ponga su di un settore assolutamente strategico come il servizio di raccolta e gestione dei rifiuti.

Si lavori sull’efficienza della pubblica amministrazione, snellimento e semplificazione delle procedure, riduzione dei tempi di attesa per avere risposte. Tempi che, per aziende e mondo del lavoro, si traducono in costi.

Altrettanto costano e gravano le difficoltà infrastrutturali e di trasporto. Manutenzione delle città e della rete viaria non siano lasciate indietro.

Non manchino risposte in tema di sicurezza: furti ed episodi di criminalità incrinano la tranquillità di chi lavora, creano timori e problemi concreti.

Ci si aggreghi e si faccia rete anche nel campo, potenzialmente trainante, del turismo. Lavorare insieme renderà più facile attrarre visitatori ed a questi offrire nella migliore delle vetrine eccellenze, prodotti, marchi e stile di vita della Vallesina.

Importante da parte dei Comuni la partecipazione, anche con piccole cifre, al Fondo di Garanzia della Regione. Uno strumento utile ad  accrescere le garanzie a sostegno del credito alle aziende

Si pensi a forme di finanziamento possibili per quanti aprono i battenti. Si studino formule che ad esempio abbattano per i primi tre anni i costi d’avvio d’una impresa quanto a tassazione e tributi comunali.

Si dia il là a forme di collaborazione con le associazioni di categoria per diffondere la cultura della autoimprenditorialità: corsi, formazione, consulenza.

Si rendano quanto più possibile accessibili lavori ed opere pubbliche alle piccole-medie imprese del territorio. La formula dello Small Business Act, di cui si parla a livello europeo, è una opportunità da cogliere. Lo “spacchettamento”, la suddivisione in stralci più piccoli, potrebbe portare gli appalti più vicini alle possibilità delle nostre aziende.

Particolarmente delicata si presenta la situazione attuale nel settore della edilizia. Qui si ragioni sul modo di favorire l’incontro fra domanda ed offerta e l’equilibrio fra carenza di abitazioni ed invenduto di un mercato in difficoltà.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.