"Lettera di una sconosciuta", tutto esaurito per Lucia Bendia in replica a Palazzo Pianetti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

"Lettera di una sconosciuta", tutto esaurito per Lucia Bendia in replica a Palazzo Pianetti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tutto esaurito per Lucia Bendia in replica stasera, alle ore 21.00, alla Galleria degli Stucchi di Palazzo Pianetti con l’anteprima nazionale dello spettacolo “Lettera di una sconosciuta”. Dopo il successo del debutto di ieri, l’attrice jesina torna stasera con il bis dell’ evento tratto da un racconto dello scrittore austriaco Stefan Zweigcon la regia di Pia di Bitonto.

Un monologo teatrale site-specific ed itinerante che vede lei, Lucia Bendia, volto noto del cinema e delle fiction tv, nei panni di una donna vittima di un amore assoluto e travolgente, come quello della “sconosciuta” che scrive l’ultima sua lettera ad un noto romanziere viennese, viziato dalla fortuna e dal successo, amato dalla protagonista per tutta la vita senza che lui lo abbia mai saputo.

“E’ una donna di pancia, che sceglie in base all’amore, ossessionata da un sentimento totale ed assoluto – ha dichiarato l’attrice – Un personaggio viscerale e romantico,  pieno di passione, un’eroina che vive a fondo l’amore nel suo eccesso”.

«A te, che non mi hai mai conosciuto»: sono le prime parole di “Lettera di una sconosciuta” che lo scrittore riceve nel giorno del suo compleanno.

Un’omaggio al femminile, dice la Bendia, chiamata ad interpretare le parole di una della donna che per anni e anni, fino alla fine, come una meteora che si consuma, dedica il suo amore a un unico uomo senza che lui lo sappia mai. Lei disperata, umile, sottomessa, che ha donato in anonimato allo scrittore tutta se stessa “con tutta l’abnegazione di una schiava, di un cane”, non verrà mai riconosciuta dall’uomo amato.

Il monologo teatrale avverrà all’interno della Galleria degli Stucchi, unico esempio in Italia di stile Rococò di influsso mitteleuropeo, per rendere al meglio le raffinate atmosfere descritte da Zweig.  “Una scelta che, oltre a valorizzare le bellezze del Palazzo, permette di facilitare la relazione tra la “sconosciuta” e lo spettatore – spiega la regista Pia di Bitonto – La scena si pone sullo stesso piano del pubblico, stimolando il rapporto di empatia e di vicinanza con il personaggi”.

L’evento costruito per Palazzo Pianetti è itinerante, ed usa la fuga prospettica della Galleria degli Stucchi – unico esempio in Italia di stile Rococò di influsso mitteleuropeo – come metafora della fuga interiore. In Lettera di una sconosciuta, l’elegante vita aristocratica evocata dall’ambientazione scenografica degli Stucchi, stride con un amore che può diventare anche rinuncia, miseria e distruzione; il mondo esterno e quello interiore della sconosciuta, stanno uno dinanzi all’altro in un ossimoro esistenziale.

Partendo dallo scalone fino all’esedra, lo spettatore è condotto a percorrere le stanze segrete della sconosciuta. Il modello di sacrificio scelto dalla protagonista nelle soste in Galleria, rimanda alle stazioni della sua personale drammatica via crucis; la protagonista si affaccia dalle porte e chiama a condividere con gli astanti la sua progressione psichica e sentimentale.

I costumi di Marco Nateri (collaboratore ai costumi, Antonio Rosati) sono realizzati da Simonetta Spa con la collaborazione di Anna Sedda.

Lo spettacolo fuori abbonamento per la Stagione Teatrale 2014/15 della Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con Marche Teatro e Amat, si avvale della collaborazione del Comune di Jesi, di Jesi Cultura, e del sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e di Simonetta Spa.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.