Letterine di Natale, quando un piccolo gesto bastava per esser felici | | Password Magazine
Banner4Baffi

Letterine di Natale, quando un piccolo gesto bastava per esser felici

CURIOSANDO/ A cura di Riccardo Ceccarelli

Credo, ma vorrei sbagliarmi, che siano passate di moda.

La tradizione le fa risalire ai primi decenni del Settecento. Ricordo di averle scritte anch’io e sono trascorsi non pochi decenni. Erano le insegnanti che durante la scuola elementare ci invitavano a scrivere una letterina in occasione del  Natale rivolta ai genitori, o a qualche parente (magari uno zio) presso il quale ci si recava per il pranzo di Natale.

La lettera si metteva sotto il piatto del babbo, con la complicità della mamma. Il babbo o lo zio già lo sapevano, mostravano comunque di rimanere sorpresi, la leggevano tra la curiosità dei commensali, ci si complimentava con chi l’aveva scritta cui non si faceva mancare un  bacio affettuoso e un piccolo regalo. Il “rituale” si svolgeva anche nelle case dei più poveri.

La letterina esprimeva buoni propositi, promesse impegnative, qualche sincero pentimento, espressioni augurali. Il ricordo della nascita di Gesù diventava un’occasione di sentimenti sinceri, di colloquio scritto a tu per tu, di un ritrovarsi tutti accanto alla culla di Betlemme con propositi di bontà. Altri tempi forse, altri modi per celebrare il Natale di Gesù. Il messaggio comunque è sempre il medesimo. Il Bambino che nasce ci recupera alla vita, ad una vita nuova, alla gioia, ad una speranza che non muore. Il Natale del consumo non è il Natale di Gesù. Le letterine di Natale con loro semplicità provavano a dirlo. E si vedeva anche graficamente.

C’erano ovviamente anche quelle “laiche” con disegni che esulavano dal Natate: un rosa, bambini che suonavano, un fiore, la sola scritta “Sinceri Auguri”, la maggior parte però riportavano la scena della Nascita o il Bambin Gesù con accanto gli angeli, altre ancora, Gesù nella culla o adulto con un bambino: le immagini incollate che, spesso, tirando un linguetta di carta, si potevano muovere con altre creando un effetto tridimensionale.

Il bordo del foglio era per lo più sempre arricchito da  cornici dorate o da decorazioni a secco, quasi finissime merlettature a ricamo. Non ho più quelle che scrissi ai miei genitori, ne ho trovate alcune datate 1930, venti anni prima delle mie, guardandole ho provato gli stessi sentimenti di allora: mi sono passati davanti agli occhi quei momenti di gioia, quelle sensazioni genuine e quelle emozioni sempre vive. Non c’erano allora né televisione, né  videogiochi o “gingilli”  elettronici con cui trastullarsi in solitario anche il giorno di Natale. La letterina scritta a genitori ci faceva essere felici. Ci bastava poco.

Forse “gustavamo” di più il Natale, quello di Gesù. Non ho un’inutile nostalgia di allora. Farne memoria e ricordare queste letterine, credo serva a non perdere un segmento della propria vita

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.