L'ex Cascamificio Jesi, il recupero per trasformarlo in un centro culturale | Password Magazine
Festival Pergolesi

L’ex Cascamificio Jesi, il recupero per trasformarlo in un centro culturale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Una delle più importanti strutture archeologiche industriali jesine, oggi abbandonata, diverrà un centro culturale multifunzionale che metterà a disposizione della comunità un luogo di lavoro, di formazione, di contaminazione culturale, di ispirazione, di aggregazione e di memoria.

Tutto questo grazie al Programma nazionale della qualità dell’abitare (PinQua) del Ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili che finanzierà il progetto di riqualificazione urbana presentato dai Comuni di Jesi, Maiolati Spontini, Monte Roberto e Castelbellino, per il tramite della Regione Marche, e di cui la Fondazione Pergolesi Spontini è partner privato.

Il progetto coinvolge, infatti, anche il recupero e la valorizzazione dell’ex Cascamificio di Jesi, immobile – con una superficie totale di circa 18000 m2, di cui quasi 10.000 coperti – acquistato all’asta dalla Fondazione che sarà destinato ad ospitare i magazzini di scene e costumi di repertorio e le attività del laboratorio di scenografia e sartoria. Ma non solo, l’immobile, una volta ristrutturato diverrà uno spazio multifunzionale con sala di montaggio, sala di posa, sala prova, spazi performativi, espositivi e sala conferenze, oltre a unità abitative, spazi per servizi di prossimità, attività sociali per l’inclusione e la lotta al disagio giovanile.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.