L'ex Conservatorio delle povere fanciulle e il rione San Savino raccontati dal Fai | | Password Magazine

L’ex Conservatorio delle povere fanciulle e il rione San Savino raccontati dal Fai

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’ex Conservatorio delle povere fanciulle della Divina Provvidenza e il rione San Savino al centro delle Giornate Fai di primavera. Sabato e domenica torna anche Jesi l’iniziativa a carattere nazionale che coinvolge 1100 luoghi in 430 località in tutte le regioni. Per l’occasione, il Gruppo Fai Jesi e Vallesina propone due percorsi guidati alla scoperta dei tesori del quartiere San Savino e dell’edificio settecentesco oggi sede della scuola Borsellino ex Savoia, un tempo destinato ad accogliere orfane o ragazze senza possibilità economiche che potevano ricevere qui un’educazione appropriata ed essere reinserite nella società.

Da sx: Boari (IHTVC), le volontarie Marotti e Cardinali insieme alla responsabile Gruppo Fai Jesi e Vallesina Amata e l’assessore alla Cultura Luca Butini.

«Anche a Jesi, i visitatori saranno accompagnati dagli studenti, gli Apprendisti Ciceroni, preparati dai volontari del Fai e dagli insegnanti referenti – ha spiegato il capogruppo del Fai locale Marta Amata -. L’iniziativa mira contribuire alla formazione dei giovani nell’acquisire consapevolezza del patrimonio storico, sociale e culturale della terra in cui vivono e sentirsi responsabili nella salvaguardia di questa ricchezza da tramandare e rinnovare». Valori sostenuti anche dalle due volontarie FAI Daniela Marotti e Franca Augusta Cardinali e condivisi appieno dall’Amministrazione comunale e, in particolare, dall’assessore alla Cultura Luca Butini che ha presieduto la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa.

Per l’ex Conservatorio delle povere fanciulle, i Ciceroni saranno gli alunni del Liceo Artistico Mannucci di Jesi e gli studenti della scuola secondaria Borsellino: gli ambienti riprenderanno vita grazie alle ricostruzioni degli studenti e sarà possibile visitare anche la chiesa di Sant’Ubaldo, annessa all’edificio, dove è conservata la copia della Pala “Sant’Ubaldo intercede per le orfanelle”: l’originale sarà all’occasione esposta a Palazzo Pianetti.

Il percorso al rione San Savino prevede invece cinque tappe da visitare: la chiesa di San Savino, un tempo del Crocifisso, i resti dell’antica Abbazia, l’area dell’ex mattatoio, le case dell’architetto Hortenzi e infine la Mano dell’incontro tra Culture che sarà illustrata dallo staff dell’IH The Victoria Company, come illustrato dalla referente del progetto Monica Boari. A fare da Ciceroni ci saranno gli studenti del Liceo Classico V. Emanuele II, del Liceo Scientifico L. Da Vinci e dell’Itcg “Cuppari”.  «Piazzale San Savino è oggi il cuore pulsante del quartiere più vivace e multietnico di Jesi –  ha puntualizzato Amata – Piceni, Romani e Longobardi si sono avvicendati in quest’area nel corso dei secoli rendendola importante testimonianza dell’evoluzione della città».

Le visite saranno il sabato dalle 14 alle 18 e la domenica dalle 10 alle 18.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.