L’ex ospedale si apre all’arte: performance fotografica all’interno con Francesca Tilio

Francesca Tilio

JESI – Gli spazi abbandonati del vecchio ospedale diventano scenario di una performance fotografica partecipata. Il 9 giugno si potrà accedere all’interno dell’ex nosocomio cittadino di viale della Vittoria per prendere parte all’iniziativa lanciata dalla fotografa jesina Francesca Tilio che, grazie alla collaborazione del Comune di Jesi e Asur, è pronta a immortalare con il suo obiettivo le ultimi immagini di un edificio oramai fatiscente e in via di demolizione.  Un progetto di memoria storica unico che renderà protagonisti anche i cittadini: «L’idea mi è venuta una mattina quando, dai giornali, ho appreso dell’abbattimento dell’ex ospedale civile – racconta l’artista Tilio -. Prima un tuffo al cuore, poi il pensiero immediato di fare qualcosa: regalare a me e al territorio una possibilità per raccontare uno spazio fatto di gioia, dolore, lavoro… e lo faccio grazie all’aiuto del Comune di Jesi e dell’Ufficio Turismo, dell’Asur regionale e di un team di donne speciali che si sono prodigate per far sì che questo accada, ovvero Romina Gattaceca e Sabrina Maggiori».

Ricevute le autorizzazioni da Comune e Asur, tutto è pronto per l’iniziativa che permetterà alla Tilio di fotografare persone all’interno dell’ex ospedale, un’ultima esperienza visiva in questi luoghi che oramai nel tempo sono cambiati.

Chi vorrà partecipare dovrà necessariamente prenotarsi chiamando l’Ufficio Turismo di Jesi (0731 538420): la performance fotografica si svolgerà il 9 giugno, dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18. Si entrerà in gruppi da 10 persone ogni 30 minuti, accompagnato dal personale di sicurezza. È mistero su quali siano le location individuate dalla fotografa, saranno rivelate in giornata. Chi partecipa potrà anche lasciare un suo ricordo legato all’ospedale via mail o attraverso una registrazione vocale.

1 Commento su L’ex ospedale si apre all’arte: performance fotografica all’interno con Francesca Tilio

  1. Il Circolo Culturale “Massimo Ferretti” già nel 2014/15 con la collaborazione della Asur ha fotografato già tutto l’interno,ci avevano detto che poi si faceva una mostra,ma non è successo niente.Adesso è una memoria storica,prima no!.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*