Libera Azione costretta a cambiare simbolo, sparisce lo scudo crociato rimane solo Forza Italia | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Libera Azione costretta a cambiare simbolo, sparisce lo scudo crociato rimane solo Forza Italia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Scompare lo scudo crociato, emblema della Democrazia Cristiana, dal simbolo della lista civica di centro destra Libera Azione del candidato sindaco Massimiliano Lucaboni.

Ora c’è solo “la presenza” di Forza Italia.

“Ieri, domenica, intorno alle 22.45 – spiega lo stesso Lucaboni – mi hanno telefonato dalla Commissione elettorale circondariale preposta dicendomi che c’era un problema”.

E il problema consisteva nel fatto che non si poteva utilizzare il simbolo della Dc perché appartiene all’Udc, e non ai democristiani che fanno capo a Franco Rosini, confluiti in questa tornata amministrativa cittadina  nella lista civica di centro destra.

“In realtà – spiega ancora Lucaboni – non era l’unico problema che riguardasse il nostro simbolo in quanto la delega notarile di utilizzo era stata presentata in copia e non in originale. Che è arrivato stamattina ma a questo punto serve a poco…”.

Quindi, bisognava rifare tutto e già in giornata è avvenuto il cambio  con la consegna, alle 12.40, all’ufficio elettorale, del nuovo simbolo di Libera Azione, presente anche il candidato Francesco Paccusse.

“Ci sarebbe tempo sino a domani, 16 maggio, alle 9.00, pena l’esclusione, ma abbiamo cercato di accelerare i tempi il più possibile ed ora siamo a posto”.

Ripercussioni con Rosini? Sembra di no, “ovviamente l’ho subito avvertito di quanto era successo, ne abbiamo parlato e la collaborazione rimane perché la componente dc è parte importante della nostra lista. Simbolo o non simbolo sono convinto che sarà un successo, comunque vada”.

Dei 24 candidati presenti in un primo tempo, la lista è scesa a 21, con l’esclusione di Valentina Simion, causa la mancanza dell’attestato del consolato rumeno che ne certificasse il godimento dei diritti civili, Bobby Chkwunda, risultato non essere ancora cittadino italiano, e Vito Olivieri per compensare il rapporto con le cosiddette “quote rosa”.

Pino Nardella

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.