Librerie aperte, sì o no? Ecco quelle che hanno deciso di ripartire | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Librerie aperte, sì o no? Ecco quelle che hanno deciso di ripartire

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Tra le riaperture annunciate dal Premier Conte con il nuovo decreto, via libera alle librerie da oggi (martedì 14 aprile), sempre rispettando le regole basilari in termini di sicurezza.
Questa decisione ha scatenato non poche polemiche tra addetti ai lavori, librai e consumatori.
Perché riaprire le librerie e non, per esempio, anche i negozi di dischi? Si chiede qualcuno. Riaprire le librerie, a che scopo? Per dar modo agli italiani costretti in quarantena fino al prossimo 3 maggio – salvo nuove disposizioni – di riempire con la lettura le ore vuote? O per rispondere alle pressioni di grandi e piccoli editori, vicini al collasso? Molti librai si erano organizzati con la consegna a domicilio, in piena sicurezza. Sarà possibile tonare in libreria senza precludersi la sensazione di benessere intellettuale che regala osservare con calma le copertine, sfogliare le pagine di un libro che ha catturato la nostra attenzione e restare in quei luoghi magici e pieni di sapere per molto tempo? A proposito del gesto di toccare con mano i libri sugli scaffali, non rischierebbe di essere pericoloso ai fini del contagio?

Il parere di alcuni esperti
Lo scrittore Gianrico Carofiglio – finalista al Premio Strega – sulle librerie aperte ha dichiarato: «Lasciatemi esprimere la mia contentezza, ma bisogna precisare alcuni punti. Si riaprono le librerie, sottoponendole a tutte le sacrosante cautele. In realtà, la libreria corrisponde ad un’esigenza di fame dell’anima che è fondamentale quasi quanto il nutrimento fisico. Non solo per chi ci va, ma per l’idea che sia possibile spalancare il nostro orizzonte verso il mondo attraverso i libri».
Scettica nei confronti delle librerie aperte è Giulia Ciarapica, nota bookblogger marchigiana. «Che d’improvviso i libri siano diventati un bene primario (in un paese senza lettori) mi pare strano» afferma Giulia. «In ogni caso l’apertura delle librerie – per una questione puramente di emergenza sanitaria – non la vedo una gran trovata. Non è il momento giusto, secondo me. Non siamo fuori dall’emergenza, stiamo solo assistendo ad un rallentamento della circolazione del virus ma la situazione è fin troppo complessa. Possiamo continuare a usufruire delle consegne a domicilio (cosa che molti librai continuano a caldeggiare, giustamente) o degli ordini online». Sempre secondo la giornalista culturale di Messaggero e Foglio, «la libreria non è un supermarket ma è un luogo di ritrovo, un luogo in cui prima di acquistare un libro ne sfoglio, con calma, altri dieci. Mi guardo intorno, gironzolo un po’, chiacchiero col libraio. Non credo sia possibile in un clima del genere. Tra l’altro – conclude – la beffa è che per chi vive, come me, in un comune come Casette d’Ete, privo di librerie e non può spostarsi – da decreto – nel comune vicino per recarsi a fare questo tipo di acquisti. Quindi a che serve?».

Cosa succede a Jesi
A Jesi, torneranno operative tutte le librerie nel massimo rispetto delle regole per garantire la sicurezza degli addetti ai lavori e dei clienti. Mondadori, Incontri, Ortolibreria e Gira & Volta, quest’ultima con orari ridotti come indicato sui social. Il titolare Francesco, dopo alcune perplessità iniziali, ha deciso anche di permettere a chi vorrà di prenotare GIRA&VOLTA e averla assicurata tutta per sé, anche solo per sedersi e sfogliare qualche volume per 30 MINUTI, sia di mattina che di pomeriggio, facendone richiesta anticipata e concordando l’orario insieme. Un gesto per cercare di ricominciare insieme, sempre nella più totale sicurezza. 

Fuori Jesi
«Noi il 14 Aprile non apriremo». Fa sapere sui social Giovanna Curto della Libreria IoBook di Senigallia. «Abbiamo bisogno di più tempo per poter riorganizzare con gli standard di sicurezza il nostro lavoro per il bene nostro e dei nostri clienti. Continueremo le consegne a domicilio e le spedizioni, ma non vogliamo che la nostra libreria diventi un luogo insicuro».
Per ora non riapre nemmeno il Mondadori Point di Chiaravalle, ma dopo la pausa pasquale riprenderanno le consegne a domicilio.
Nella città capoluogo Ancona, dalla libraia jesina Simona Rossi, titolare della storica Libreria Fogola, un messaggio pratico e chiaro: «Non possiamo riaprire il 14, almeno non in sicurezza. La nostra libreria è di circa 60 mq, dobbiamo sistemarla e strutturarla per renderla sicura secondo i nuovi standard. Dobbiamo ancora avere chiaro che tipo di presidi sanitari mettere e dove, tra barriere, sanificatori, strisce. Tra l’altro, visto che le persone devono evitare di uscire, dovremmo stare aperti per aspettare clienti che non ci sono? Quando i nostri locali saranno sicuri per noi e per i clienti, potremo riaprire. Continuiamo con le consegne a domicilio, fonte di grandi soddisfazioni soprattutto personali».

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.