Liguori replica agli attacchi di Lucaboni: “Mai sceso a patti. Con la candidatura continuerò a battermi per la sanità”

Pasquale Liguori

JESI – “Lungi da me dal voler alimentare polemiche in questa campagna elettorale in cui non si fa altro che parlare male l’uno dell’altro tra i candidati  Sindaco, ma non posso permettere ad alcuno di infangare il mio nome e quanto fatto sino ad oggi come Presidente del Tribunale del malato”. Così Pasquale Liguori, candidato con Insieme Civico replica alle dichiarazioni del candidato sindaco di Libera Azione Jesi Massimiliano Lucaboni: “Non posso esimermi quindi dal rispondere al Lucaboni che mi ha accusato di scendere a patti con un partito dell’attuale maggioranza che appoggia Bacci. Il sottoscritto è da 25 anni che lavora volontariamente per la tutela dei diritti del cittadino malato, Lucaboni dice che sono  5 anni che si occupa di sanità. Pochino a mio modesto avviso per poter dire che lui soltanto si è occupato di sanità, peraltro senza aver sortito alcun tipo di risultato, pur sedendo in consiglio comunale”.

E aggiunge, rivolgendosi al candidato di Libera Azione Jesi: “Caro Lucaboni posso dire a testa alta che il sottoscritto non è mai sceso a patti con nessuno e mai lo farà, mantenendosi sempre fuori dalle competizioni politiche proprio per la presenza di personaggi come lui che non aspettano altro che sputare veleno e falsità appena se ne presenta l’occasione. Quante volte il sottoscritto ha organizzato convegni sulla sanità, ha fatto articoli sulla stampa per denunciare lo stato della nostra sanità e Lucaboni dov’era ?Non ho mai letto da alcuna parte che a fronte di nostre denunce sul Pronto Soccorso, la carenza dei posti letto ecc. Lucaboni abbia mai manifestato il suo appoggio alla causa del Tribunale per i Diritti del Malato. Le ragioni per cui ho deciso di candidarmi le ho già dichiarate pubblicamente: anzitutto l’ho fatto scegliendo una lista civica e non un partito, appoggiando Bacci che, contrariamente agli altri Sindaci che lo hanno preceduto, almeno mi ha ricevuto quando glielo ho chiesto e quando l’ho chiamato in causa, come per le cucine dell’ospedale in cui si è dato da fare; ma l’ho fatto in particolare per portare la mia voce, la mia esperienza e il mio impegno all’interno del palazzo comunale dove, se eletto, posso assicurare ai cittadini che continuerò ad essere da pungolo all’Amministrazione per ridare dignità e futuro alla sanità del nostro territorio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*