L'imperatore sta tornando, anche a bordo di un pullman | | Password Magazine

L’imperatore sta tornando, anche a bordo di un pullman

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  L’imperatore sta tornando. E, in parte, lo ha già fatto oggi intorno a mezzogiorno, a bordo del pullman della Esitur , incoming official partner del museo “Federico II stupor mundi” che verrà inaugurato sabato prossimo, primo luglio, nell’omonima piazza che gli ha dato i natali e che proprio in quella circostanza sarà allestita in tema medievale, con la famosa tenda della nascita.

A bordo, oltre all’amministratore delegato Daniele Crognaletti, Gennaro Pieralisi, l’ideatore e mecenate dello scrigno culturale, Paolo Crognaletti, l’on. Emanuele Lodolini, Il sindaco Massimo Bacci, l’assessore uscente – ma sarà riconfermato – Luca Butini e William Graziosi, coordinatore e direttore dei lavori e ad della Fondazione Pergolesi Spontini. Ai quali si è, poi, aggiunto Mario Pesaresi, vice presidente operativo della Fondazione Marche che ha contribuito con un milione e mezzo di euro all’allestimento museale. L’altro milione necessario è arrivato dalle tasche dell’ingegnere, Pieralisi, appunto.

In attesa dell’evento, la presentazione al foyer del teatro Pergolesi dove proprio Gennaro Pieralisi, con un pizzico di pepe ha solleticato l’attenzione rimarcando dapprima l’assenza di aria condizionata a teatro, rinunciando così a mettersi la cravatta e  appoggiandola sul tavolo: “Questo è l’unico teatro non dotato di un  servizio essenziale” ha detto. Poi, ricordando come anche lui avesse messo del suo in questa operazione meritoria “visto che nessuno ne parla”.

Cominciamo bene” gli ha ribattuto con un sorriso Bacci ma era evidente il gioco delle parti. Pieralisi da innamorato di Jesi vorrebbe sempre il meglio, come ha riconosciuto lo stesso primo cittadino dicendo che “la sua vena critica è sempre costruttiva. Lui ama Jesi e lo ringrazio per il suo gesto straordinario, di mecenatismo puro. E grazie anche alla Fondazione Marche. Siamo consapevoli di questa grande opportunità che ci viene offerta e dobbiamo saperla cogliere cercando di fare un salto di qualità nella cultura dell’accoglienza. Ma è necessaria anche una politica regionale che dia la possibilità di un vero rilancio di questo nostro territorio”.

Un cruccio di Pieralisi anche il fatto che “siamo stati Città Regia sino alla cancellazione da parte del primo sindaco del dopoguerra, Pacifico Carotti, ma dobbiamo ritornare ad esserlo e spero che Bacci metta mano alla questione”. Cosa che si farà – ha assicurato il Sindaco  – a partire da settembre, perché resta una griffe importante per Jesi.

“Il museo Federico II stupor mundi–  ha detto ancora Pieralisi –  serve per dare una spinta alla città, depauperata negli ultimi decenni di tante cose. Un progetto al quale pensavo da tempo che diviene realtà ma bisognerà occuparsi anche di dargli da mangiare con tutti coloro, a cominciare dalle scuole, che saranno attirati a visitarlo”.

“Cercheremo di percorrere la stessa strada fatta con la scherma – ha precisato Daniele Crognaletti – e già da ora posso anticipare che la prossima settimana 7 tour operator tedeschi saranno a Jesi proprio per questo. Importante è il lavoro di squadra, abbiamo tante eccellenze  e vanno sfruttate al meglio”.

Sedici stanze su tre livelli per far capire chi fosse a tutto tondo Federico II “un percorso museale interessante che coinvolgerà i visitatori – ha spiegato Graziosi – e che ha visto partecipare tutto il territorio perché i soldi spesi qui sono rimasti. Sono soddisfatto del risultato e sono contento che all’inaugurazione ci siano sia Bacci che Butini  i quali hanno sempre spinto per questa realizzazione”.

(Sulla pagina fb di Password guarda anche il video)

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.