L'intestino, il nostro secondo "cervello" | Password Magazine
Festival Pergolesi

L'intestino, il nostro secondo "cervello"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Un disturbo molto diffuso tra la popolazione del nuovo millennio è la Sindrome dell’Intestino Irritabile(dall’inglese Intestinal Bowel Syndrome – IBS).

Per diagnosticare tale disturbo va prioritariamente verificata la presenza di un senso di gonfiore a livello addominale, di un accentuato meteorismo  e di un’alterazione dell’ alvo (in senso stitico o diarroico). Si tratta di un disturbo funzionale, cronico e non organico, molto diffuso nel campo della gastroenterologia per il quale alle volte è difficile individuarne la causa.

Molto spesso tale disturbo si manifesta come conseguenza di disordini emotivi, come situazioni di particolare stress o ansia (origini psicosomatiche) tanto che al periodo di maggior fastidio si associa un periodo di particolare intensità emotiva. In effetti, non è del tutto errato parlare dell‘intestino come un “

secondo cervello” tanto che a seguito di un importante turbamento emotivo che abbiamo, esso si ripercuote anche a livello intestinale; non per nulla si dice “ho avuto un dispiacere così grande che mi si è chiuso lo stomaco” oppure “quando penso a quello che mi ha fatto mi si atttorcigliano le budella”……..

Questo è dovuto ad un complesso sistema di neuroni che collega il cervello alle viscere; infatti come per il nostro cervello ci sono dei lunghi tempi di recupero da un brutto avvenimento come un trauma psicologico, un lutto, un grosso dispiacere, così anche per il nostro intestino ci sono dei tempi necessari per digerire/assimilare ciò che gli è arrivato dallo stomaco. Per confermare quanto forte sia il collegamento tra il nostro cervello e l’intestino, si è riscontrato che una situazione di forte nervosismo porta ad una mobilità elevata dell’intestino.

La sindrome dell’intestino irritabile è molto diffuso tra le persone giovani; si presenta, nella maggior parte dei casi prima dei 45 anni ed è molto frequente tra le donne (80% con IBS più intenso).

Per procedere con una accurata diagnosi di IBS è necessario escludere malattie più gravi con l’ausilio di esami vari di laboratorio e basandosi in contemporanea sui sintomi riferiti dal paziente. In linea di massima, quando il paziente presenta  un fastidio addominale ricorrente che perdura negli ultimi tre mesi con frequenza di almeno tre giorni al mese ed associato ad  un miglioramento percettibile so

lo dopo essere uscito dal bagnoe magari associato ad una variazione della consistenza delle feci, allora potremmo essere di fronte ad un caso di IBS.

Un buon successo terapeutico può essere raggiunto se si stabilisce un ottimo e trasparente rapporto di fiducia e di sincera empatia tra paziente e medico, il quale ha il doveroso compito di informare il paziente in maniera dettagliata a riguardo tale disturbo. Terrei a sottolineare l’importanza di informare –  aggiungerei educare – il paziente a comprendere quali alimenti e quali particolari stati d’animo sono associati alla comparsa del fastidio addominale ed informarlo sul fatto che anche dei piccoli accorgimenti dietetici – assolutamente non limitanti – potrebbero migliorare la sua qualità di vita. A tal proposito potrebbe essere utile ricorrere all’utilizzo di una sorta di diario alimentare che ci aiuta a comprendere eventualmente quali alimenti creano effettivamente maggiori problemi accentuando la sintomatologia e quali invece possono essere consumati senza problemi.

Per quanto riguarda l’ approccio farmacologico, è fondamentale precisare che è utile solo per un miglioramento della sintomatologia e non per rimuoverne le cause dell’IBS.

In questo quadro clinico l’alimentazione riveste un ruolo fondamentale nel trattamento dell’IBS; infatti un  obiettivo di primaria importanza è quello di ridurre il gonfiore intestinale ed il fastidio che ne consegue; questo rappresenta già di per se un notevole sollievo per il paziente.

Vengono inoltre molto spesso adottate diete fai da te, magari copiate da qualche rivista di ultimo grido o scaricate da internet, a volte troppo restrittive e limitanti o fortemente squilibrate che non fanno altro che peggiorare la salute del paziente e la sua socialità nonché il vissuto della malattia, senza avere peraltro ottenuto il benefico sperato. Ecco che risulta indispensabile personalizzare il più possibile l’approccio nutrizionale che può essere visto come un vestito fatto su misura del paziente facendo particolare attenzione alle abitudini alimentari ereditate dalla famiglia di origine o magari imposte esigenze lavorative; a tal proposito sarà utile un’accurata anamnesi personale ed alimentare finalizzata ad identificare i sintomi e le specifiche problematiche del paziente. Alcuni alimenti a cui è possibile attribuire un peggioramento dei sintomi gastrointestinali per la quasi totalità di pazienti sono le bibite gasate, l’alcol, le gomme americane, i cibi piccanti,  le patate, i legumi (non tutti), le verdure, (tra cui i cavoli, i cavolfiori, i broccoli) e la tanto amata pizza.

Ultimamente si sta mettendo in luce un nuovo approccio nutrizionale ovvero l’utilizzo di una dieta a basso contenuto di alcuni carboidrati – che non stiamo qui a elencare – che possono causare un difficile assorbimento a livello intestinale e di conseguenza andare in contro a fermentazione accentuata nel tratto terminale dell’intestino causando un peggioramento dei sintomi. In altre parole, tale dieta  – denominata a basso contenuto di FODMAPs – esclude inizialmente tutti i cibi che potrebbero creare problemi procedendo poi, in una fase successiva,  a rieducare il paziente verso una progressivo reinserimento di alcuni alimenti con modalità e monitoraggio ben mirato e accurato.

L’approccio della dieta a basso contenuto di FODMAPs non è di certo la cura risolutiva per questo disturbo valida per tutti i pazienti ma è sicuramente  rappresentativa di  una nuova frontiera di studio da tenere in considerazione nei trattamenti futuri di IBS.

 

Dott. Roberto Ceci, esperto in Nutrizione e Scienze Alimentari.
Per contattarlo: roberto.ceci@email.it

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.