Liomatic Jesi, oggi l'incontro in Regione con sindacati e azienda | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Liomatic Jesi, oggi l’incontro in Regione con sindacati e azienda

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da pagina FB Liomatic

ANCONA -Ha espresso soddisfazione l’assessore al Lavoro Stefano Aguzzi al termine dell’incontro che si è svolto questa mattina tra la società Liomatic e le parti sindacali. «Tavolo richiesto dalle parti sindacali – ha detto Aguzzi – preoccupate per la rivisitazione organizzativa che l’azienda sta portando avanti e le ricadute sul piano occupazionale». Durante l’appuntamento si sono evidenziate queste situazioni, ha voluto chiarire l’assessore: «Non c’è da parte dell’azienda la volontà di chiudere le proprie attività nelle Marche, si tratta di una loro riorganizzazione, quindi sarà chiusa una sede a Jesi ma saranno consolidate le sedi di Macerata e di Pesaro coinvolgendo anche i lavoratori oggi presenti a Jesi. Per una parte dei lavoratori non cambierà quasi nulla di fatto perché operano sul territorio al servizio di vari utenti; invece, per la parte impiegatizia che opera all’interno della sede saranno messi in campo dei trasferimenti in sedi diverse da quella jesina, Macerata, Pesaro e alcuni addirittura a Perugia e Arezzo. Si tratta ovviamente di disagi, ma non di licenziamenti, né delocalizzazioni, né chiusure d’impresa». Prendendo atto di questo, conclude l’assessore al Lavoro «la Regione ha raccomandato all’azienda di continuare il dialogo con le parti sindacali e tenere in grande considerazione i disagi dei lavoratori che dovranno spostarsi sul territorio. L’auspicio è che si trovino le soluzioni necessarie a garantire i dipendenti e tutte le fasi occupazionali».

In riferimento alla situazione che sta interessando la filiale di Jesi, la Liomatic ritiene necessario «in un’ottica di massima chiarezza e trasparenza, nonché al fine di garantire la serenità dei nostri Dipendenti» ribadire quanto segue:

«In questo preciso momento storico abbiamo dovuto prendere la decisione di avviare un processo di riorganizzazione delle nostre filiali sul territorio della regione Marche. Occorre precisare che l’urgenza di effettuare tale processo deriva da mere esigenze di carattere organizzativo e dalla volontà di Liomatic di continuare ad operare nel territorio della regione con maggiore efficienza ed efficacia. Liomatic non ha mai inteso procedere ad alcun tipo di licenziamento, né individuale, né collettivo. Il nostro intento, pur in un momento di grande difficoltà socio-economica come questo, è sempre stato quello di mantenere inalterati i livelli occupazionali. Il nuovo assetto organizzativo prevede che 24 lavoratori, corrispondenti alla forza lavoro esterna, manterranno invariato il perimetro geografico della propria attività lavorativa, continuando ad operare nello stesso territorio e in favore della medesima clientela. 11 dipendenti avranno come sede di destinazione le limitrofe filiali di Macerata e Pesaro. Infine, per garantire la prosecuzione del rapporto di lavoro, 5 dipendenti saranno destinati alle filiali di Perugia (2 persone) e Arezzo (3 persone). Nonostante queste premesse, abbiamo comunque ritenuto doveroso partecipare al tavolo di confronto convocato dall’Assessore al Lavoro della Regione Marche che ha determinato la prosecuzione del confronto già avviato – e da parte nostra mai disertato – con le Organizzazioni Sindacali, al fine di fornire tutti i chiarimenti necessari». E aggiunge: «Nell’incontro odierno abbiamo esposto i dati relativi ai benefici che si realizzeranno con la modifica organizzativa, ricondotto nella positiva dimensione il reale scenario che consegue a questo evento, che confuta nei fatti illazioni circa “catastrofi” occupazionali e l’incontro si è concluso concordando con il sindacato il calendario dei prossimi incontri sindacali previsti per il 4, 9 e 14 febbraio v. in ambiti aziendali. Liomatic ringrazia le Istituzioni e in particolare l’Assessorato al Lavoro per aver realizzato questo proficuo confronto».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.