Liste d'attesa, applicato solo il malus. Il TDM: «Tutto tace su bonus e rimborsi» | | Password Magazine

Liste d’attesa, applicato solo il malus. Il TDM: «Tutto tace su bonus e rimborsi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Sanità, applicato il malus: ma il bonus?»: a porsi l’interrogativo è il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi, appresa la notizia dell’introduzione di sanzioni, a partire dal 30 agosto scorso, per gli utenti che, in caso di mancata cancellazione di una prenotazione, dovranno comunque pagare il costo della prestazione.

«La delibera regionale sul bonus/malus, introdotta ad aprile, prevedeva anche percorsi di tutela per il paziente – spiega il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori – Eppure, sembra che sia stata applicata solo la parte negativa del provvedimento, quella che mette le mani nelle tasche dei cittadini. Nessuna notizia invece sull’iter da seguire per visite e rimborsi».

Il “bonus” infatti, qualora applicato, introdurrebbe le liste di garanzia dove inserire il cittadino nel caso in cui la sanità pubblica non dovesse essere in grado di offrire la prestazione nei tempi utili, di modo che possa essere ricontattato nei termini previsti. Inoltre, qualora il sistema non riuscisse comunque a soddisfare le richieste di prenotazione, l’utente avrebbe comunque la possibilità di effettuare la prestazione anche al di fuori dell’offerta istituzionale regionale e di ricevere una quota di rimborso per le visite sostenute a proprio carico, pari alla spesa risultante decurtata del costo del ticket e della quota fissa nel caso di pazienti non esenti.

«Ma sui rimborsi tutto tace – continua Liguori -, anche su quelli previsti dal decreto legislativo 124/1998, in caso di accesso tramite intramoenia alla prestazione sanitaria che il servizio pubblico regionale non è in grado di garantire nei tempi massimi di attesa stabiliti». Il Tribunale per i Diritti del Malato continua infatti a ricevere richieste da parte degli utenti per il riconoscimento di un diritto tutelato dalla legge: «Ci sono casi in cui il rimborso, pur approvato, non è stato poi effettivamente liquidato: questo perché la Regione non ha ancora istituito un fondo ad hoc da cui attingere – conclude Liguori – Ci troviamo in un limbo, dove la normativa esiste ma non viene applicata. E le liste d’attesa continuano ad aumentare. Viene però applicato il malus, con i cittadini che sono sempre i primi i pagare. Insomma, non vorremmo che questa fosse l’ennesima presa in giro».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.