Liste d'attesa per interventi: «Se non urgente, si 'pazienta' anche anni» | | Password Magazine

Liste d’attesa per interventi: «Se non urgente, si ‘pazienta’ anche anni»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Mentre l’Asur Marche è impegnata nella sua campagna trionfalistica sull’abbattimento delle liste di attesa per visite ed accertamenti, il paziente del nostro ospedale che deve sottoporsi ad un intervento chirurgico  si trova alle prese con attese assolutamente intollerabili». A parlare è il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori: «Ad esclusione ovviamente degli interventi urgenti e di quelli per patologie oncologiche, per gli altri interventi di minore entità  si può attendere anche anni: ci risulta infatti che per operazioni a piedi e mani l’attesa si prolunga anche oltre i sei mesi, per una ipertrofia prostatica anche due anni, ernie, varici, asportazione di colecisti, interventi urogenitali da sei mesi ad un anno; e seppure vero che si tratta di interventi non urgenti essi però hanno grosse implicazioni sulla qualità della vita del paziente. E per fortuna che ancora la Day Surgery è operativa – ci batteremo a che essa non venga soppressa – in quanto permette al paziente affetto da alcune patologie minori risolvibili con chirurgia a ciclo breve di non entrare nelle liste di attesa del reparto di riferimento con tempi molto più lunghi. Le conseguenze di queste lunghe attese sono estremamente dannose in primis per il paziente poi per il nostro ospedale perché il paziente, stanco di attendere, va altrove ledendo così anche l’immagine dei tanti bravi professionisti del nostro nosocomio che, dopo aver visitato il paziente, si vedono costretti a comunicare allo stesso che per l’intervento dovrà pazientare mesi o anni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.