Liste d’attesa, scatta il «malus» per chi non si presenta o non disdice l’appuntamento

ANCONA – La Regione Marche ha introdotto il meccanismo del bonus malus per abbattere le liste d’attesa e ridurre gli sprechi. «L’attività sanitaria ha un valore ed un costo che spesso non è conosciuto, perché tante persone pagano solo un ticket e il 60% è esente e quindi non sostiene alcuna spesa» sostiene la Regione.
Le prestazioni più costose sono la risonanza magnetica del cervello e del tronco encefalico (247,50euro), quella dell’addome inferiore e scavo pelvico (187,10euro), e quella della colonna (181,30euro).
La Regione Marche fa sapere: «Se non ci si presenta all’appuntamento o non si disdice nei tempi (2gg lavorativi), scatta il malus e i cittadini si troverebbero a pagare l’importo di tasca propria».
«Il nostro obiettivo non è incassare le somme del malus ma garantire equità nell’accesso alle cure ed evitare gli sprechi per tutelare al massimo il cittadino che ha bisogno e diritto alla prestazione – spiega il presidente Ceriscioli – . E’ molto importante rendersi conto del valore dei servizi sanitari e sono convinto che questo sia un sistema molto efficace che responsabilizza da una parte il sistema pubblico, che deve offrire, in ogni caso, la prestazione e responsabilizza anche ognuno di noi: quando abbiamo una vista programmata dobbiamo rispettare l’appuntamento».
Il mancato annullamento della vista è una situazione che oggi capita spesso, nonostante il recall 7 giorni prima dell’appuntamento, forse proprio perché non si è consapevoli delle risorse che vanno sprecate. Tutti i termini e i casi di esclusione della sanzione (ad esempio un lutto, sciopero dei mezzi pubblici o un incidente stradale) saranno indicati nella ricetta. Grazie al “bonus”, invece, se la sanità pubblica non dovesse essere in grado di dare la prestazione, il cittadino verrà inserito in una lista di garanzia e richiamato in tempo utile per accedere al servizio. L’intero sistema sanitario regionale si farà garante di trovare gli spazi opportuni, abbattendo al 100% le liste d’attesa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*