Liste d’attese, Ceriscioli: «Diminuiti i tempi, prestazioni soddisfatte oltre il 98% dei casi».

ANCONA – Liste d’attesa, diminuiscono i tempi e aumentano le prestazioni. Ad agosto, mese solitamente critico causa ferie personale,  la percentuale di prestazioni brevi soddisfatte ha segnato il 98,1% mentre le prestazioni differibili il 99%. Sono i dati illustrati oggi dal presidente regionale Luca Ceriscioli in sede di conferenza stampa: dal 1° giugno 31 agosto le prestazioni erogate per i codici B e D sono state 78.072 , ben 9.490  in più rispetto alle 68.582 del 2018 e 23.929 in più rispetto alle 54.143 prestazioni del 2017.  «Risultati raggiunti grazie alla riorganizzazione del sistema di prenotazione del Cup, all’attivazione del meccanismo bonus (prestazione sempre garantita in base al codice di priorità clinica) / malus (paga chi non disdice appuntamento preso e non si presenta) e all’aumento dei posti disponibili (slot) che tra strutture pubbliche e private convenzionate sono cresciuti dai 154.397 del 2018 ai 174.835: 20.438 i posti in più in un anno. Va inoltre ricordato che nel periodo prima dell’introduzione del bonus/malus la soddisfazione per la richiesta di prestazioni era al 90% e aveva come area di riferimento l’intera regione. Oggi il 98% della soddisfazione riguarda l’area vasta di provenienza o al massimo quella limitrofa».

«A due  mesi dall’inizio della applicazione del ‘bonus’ con un sistema di monitoraggio domanda offerta unico in Italia,  abbiamo i primi dati che sono ottimi – ha commentato Ceriscioli -. Per quanto riguarda le brevi e le differite, che sono le due tipologie principali di prestazione,  siamo a oltre il 98% di soddisfazione, una percentuale altissima. Significa che la quasi totalità delle richieste viene evasa ed è un livello che ci vede ai primissimi posti nelle graduatorie nazionali.  L’applicazione è  già partita anche per le visite programmate quindi presto  avremo i dati anche di questa modalità».

Il presidente oltre ai risultati, ha voluto sottolineare anche una criticità. «ll ‘bonus’ – ha spiegato –  prevede che se la sanità pubblica non è in grado di dare la prestazione, il cittadino viene inserito in una lista di garanzia e richiamato in tempo utile per accedere al servizio. E’ in questo caso il sistema sanitario regionale a trovare gli spazi opportuni. Le visite per classi di priorità (U=72 ore, B=10 giorni, D=30/60 giorni, P=180 giorni) sono disponibili nella propria area vasta o quella confinante ma c’è ancora una resistenza di una fetta importante dei cittadini che rifiuta. Quindi l’invito è quello di aderire alle liste di garanzia perché il 100% di chi entra ha la disponibilità di una visita».

Buon riscontro  anche per quanto riguarda l’introduzione del “malus” , per cui chi non si presenta alla visita senza aver disdetto e nonostante il servizio recall effettuato dall’azienda sanitaria,  paga comunque la prestazione. Dal 30 agosto al 14 settembre risultano essere 580  le persone che non si sono presentate e di queste 156 avevano risposto sì al recall. Una condotta che va corretta visto che la mancata disdetta blocca posti che potrebbero essere disponibili per altri cittadini assistiti.

Nel corso della conferenza sono state approfondite infine tutte le novità introdotte per facilitare sempre più l’accesso alle prestazioni sanitarie: dalla ricetta dematerializzata che dal 15,44% del 2018 è passata al 60,15% del 2019 e la app MYCUPMARCHE con cui è possibile prenotare e pagare  on line attraverso il codice identificativo fornito dalla ricetta dematerializzata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*